Quando l'energia è sotto i tacchi

L'energia generata camminando può essere recuperata per alimentare lo smartphone, il lettore MP3 e vari dispositivi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2013]

pedipower

Uno dei problemi dei dispositivi elettronici attuali è costituito dalla "fame" di energia che mostrano.

Le batterie agli ioni di litio, per quanto utili e capienti, sembrano non essere in grado di evolversi per fornire un'autonomia di lunga durata, per cui gli utenti si stanno rassegnando a ricaricare i propri smartphone, lettori MP3 e via di seguito per lo meno una volta al giorno, se non di più.

In attesa di una batteria rivoluzionaria che renda tutto ciò un ricordo, un team di studenti della Rice University (Texas, USA) ha sviluppato un apparecchio in grado di raccogliere l'energia prodotta camminando.

Il dispositivo, chiamato PediPower e per ora allo stadio di prototipo, si installa al di sotto della scarpa e svolge la funzione di una sorta di "tacco meccanico".

Quando si fa un passo, PediPower tocca terra prima di ogni altra parte della scarpa-prototipo e una leva viene in tal modo premuta; ciò mette in movimento degli ingranaggi integrati nella suola, che a loro volta mettono in modo un piccolo motore posto al di fuori della scarpa.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (6698 voti)
Leggi i commenti (29)

Questo, a sua volta, genera elettricità che viene poi accumulata in una batteria. Durante i test di laboratorio, il dispositivo è riuscito a produrre 400 milliWatt.

Gli studenti che hanno realizzato PediPower contano sul fatto che il loro progetto venga ripreso da un altro gruppo il prossimo autunno; si potrà migliorare la scelta dei materiali, ridurre le dimensioni e aumentare l'energia prodotta, avvicinandosi così alla possibilità di creare un prodotto commerciale. L'articolo continua dopo il video.

Il dispositivo si può poi estendere cercando di fargli ottenere energia non solo quando si poggia il tallone, ma anche quando si poggia la punta del piede: ciò potrebbe essere utile - dicono gli studenti - nella creazione di scarpe da corsa che generano energia elettrica.

«Se potessimo provare che siamo in grado di produrre energia in quantità utilizzabile, accumularla in una batteria e utilizzare questa batteria per alimentare un dispositivo mobile o un lettore MP3, allora dimostreremmo che il dispositivo funziona» ha raccontato uno degli studenti, sperando che il prossimo team che lavorerà su PediPower riesca a realizzare tutto questo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3552 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 ottobre


web metrics