Pinterest, via libera al nudo

Il social network fotografico è pronto a cambiare policy per accettare le immagini senza veli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-05-2013]

pinterest apre al nudo

Mentre la maggior parte dei social network ha una politica decisamente restrittiva per quanto riguarda la pubblicazione di foto di nudo (basti pensare a quanto fa Facebook), Pinterest ha deciso di muoversi nella direzione opposta.

Il social network dedicato alla fotografia, che finora vietava l'inserimento di foto di «nudo, nudo parziale o pornografia», ha infatti deciso di aprire le porte anche agli scatti senza veli.

Il motivo non è - a detta di Pinterest - un semplice "il nudo vende e attira", anche perché per certi social network è vero il contrario: Facebook deve stare attento a quello che i suoi utenti pubblicano poiché le immagini sbagliate rischiano di far scappare gli inserzionisti pubblicitari, come è già successo.

Per il social network fotografico la ragione sta nel fatto che «Pinterest è un luogo in cui esprimere le tue passioni, le persone sono appassionate di arte e l'arte può includere nudi» come ha dichiarato al Financial Times, spiegando: «Noi vogliamo solo cercare di accogliere questa realtà».

È facile prevedere che questa decisione - per il momento soltanto annunciata ma ancora non operativa - farà discutere i frequentatori del web.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5170 voti)
Leggi i commenti (41)

Quanto agli utenti di Pinterest, artisti fotografi o aspiranti tali, sembrano tutti contenti: l'annuncio è stato accolto con soddisfazione, come qualcosa ch'era atteso da tempo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pornodipendenti come per alcol e droga
Il Regno Unito dichiara guerra al porno online
Topless per l'Ospedale Evangelico Valdese, YouTube censura
Si spoglia nudo per rubare un iPhone
Facebook non gradisce le mamme che allattano
Egitto, blogger nuda per protesta
Gli adolescenti scoprono il sesso sul web
Rubava foto di nudo violando gli account Facebook

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


@Gladiator Quelli sono dei RO@P@@@G@@@NI nati!!! Si lamenterebbero lo stesso! :lol: :lol: :lol: Bisogna "mazziarli" subito!!! Guerra preventiva! :lol: :lol: :lol: Ciao
2-6-2013 21:14

@ mda Non è che non la pensi come te su questi aspetti, i filtri glieli darei solo per togliergli gli ultimi alibi e poterli mazziare, poi, se rompono ancora i gioielli di famiglia. :twisted:
2-6-2013 19:29

@Gladiator Dato che i bigotti son gente (4 gatti) che vogliono costringere gli altri al loro moralismo, sarebbe più giusto che non "pasce tranquillo" o no? Nelle repubbliche islamiche vedi cosa combinano i bigotti! I nostri non sono diversi, semmai (vedi epoche dove dominava il cristianesimo/cattolicesimo da noi) ben... Leggi tutto
2-6-2013 19:16

@ mda Intendevo che chi non gradisce, sul suo profilo, attiva i filtri e si pasce serenamente nel suo bigottismo. :wink:
2-6-2013 17:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3994 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics