Microsoft mette una taglia sui bug di Windows 8.1

L'azienda offre 100.000 dollari a chi svela le debolezze della prossima versione del sistema operativo, e altri premi ancora.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-06-2013]

win8 BSOD

I sistemi operativi della famiglia Windows - vuoi per la loro diffusione, vuoi per alcune debolezze intrinseche - sono uno dei bersagli preferiti da chi si diverte a violare i computer.

Per rendere ancora più sicuro il prossimo aggiornamento di Windows 8 - ossia Windows 8.1 - Microsoft ha deciso di istituire un premio in denaro per chi segnalerà vulnerabilità inedite sia nel sistema che in Internet Explorer 11.

Seguendo una modalità che Google applica già da un po', l'azienda di Redmond offre 100.000 dollari - definiti Mitigation Bypass Bounty - a quanti indicheranno delle tecniche finora sconosciute per superare le difese inserite in Windows 8.1 Preview.

In più, 50.000 dollari andranno a chi fornirà un'idea per ovviare al problema di sicurezza indicato nel Mitigation Bypass.

Infine, 11.000 dollari aspetteranno chi saprà indicare vulnerabilità critiche nell'anteprima di Internet Explorer 11 sotto Windows 8.1 Preview; in quest'ultimo caso, il periodo durante il quale sarà possibile inviare le proprie scoperte inizia il 26 giugno e termina il 26 luglio (ossia i primi 30 giorni della fase beta di IE 11).

Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6366 voti)
Leggi i commenti (71)

Tutte le indicazioni da seguire per aggiudicarsi le "taglie sui bug" emesse da Microsoft sono raccolte nel sito ufficiale del Microsoft Security Response Center.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Facebook e Microsoft moneta sonante per gli hacker
Windows 8.1, conto alla rovescia per la Preview
Facebook, un bug diffonde i dati di sei milioni di utenti
Come bloccare qualunque dispositivo Android
Symantec, Italia nel G7 dei Paesi più infettati da malware
Microsoft colpita dagli hacker
Buco in Internet Explorer, mouse tracciabile da remoto
Vulnerabilità IE, arriva finalmente la patch
Google ricompensa gli hacker con dollaroni sonanti
Google, 1 milione di dollari a chi bucherà Chrome

Commenti all'articolo (5)

Se sono 100.000 $ per ogni segnalazione mi sa che rischiano di sborsare un bel po di soldi salvo che non trovino qualche cavillo per, poi, non pagare... :roll:
27-6-2013 19:21

Be', certo, alla Microsoft conviene più sganciare 100.000 dollari che pagare i dipendenti per fare quel lavoro. Segno dei tempi... :roll:
22-6-2013 17:03

Mi sa che il rapporto tra costi e ricavi di Windows 8 dopo questi premi andrà a discapito di Microsoft :lol:
21-6-2013 23:21

L'unico massacro che vedo in vista e quello di Windows 8 e del cassiere di Microsoft :twisted:
21-6-2013 17:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2275 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics