Il Giappone riprende i test del MagLev

Il treno a levitazione magnetica unirà Tokyo a Nagoya: quasi 300 km in appena 40 minuti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-09-2013]

Maglev

Nonostante i dubbi sorti specialmente negli ultimi tempi, il Giappone torna a scommettere sui treni a levitazione magnetica.

La Central Japan Railway Co. ha ripreso i test per il completamento della linea che connetterà Nagoya a Tokyo con treni che viaggiano a una velocità massima di 500 km/h, coprendo la distanza tra le due città - 286 km - in appena 40 minuti. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2812 voti)
Leggi i commenti (32)
Tra i motivi che avevano portato a una sospensione dei test - oltre agli alti costi di realizzazione, calcolati in circa 39 miliardi di euro - ci sono le preoccupazioni legata alla sensibile riduzione della popolazione entro il 2027 (anno fissato per il completamento dell'opera) previsto dall'Istituto Nazionale di Ricerca sulla Popolazione e la Sicurezza Sociale: il numero di abitanti del Giappone dovrebbe passare da 127 milioni a 117 milioni, per poi scendere a 80 milioni entro il 2060.

Ciò naturalmente comporterebbe una contrazione della domanda di mezzi di trasporto e, potenzialmente, qualche pericolo per il finanziamento della costosa linea.

L'azienda costruttrice infatti non utilizza fondi statali ma il denaro risultante dai propri utili oltre a prestiti e obbligazioni, contando sul fatto che il servizio, una volta attivo, genererà molti introiti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Lo SkyTran di Israele è una monorotaia hover
L'auto che si trasforma in un treno a levitazione magnetica
Il Regno Unito sperimenta l'ibrido tram-treno

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

@francescodue Non lo stesso problema: Il maglev conviene ad alta velocità e non bassa ed ad alta velocità costa quanto il sistema tradizionale. Il trasporto merci ad alta velocità conviene quando ci sono merci deperibili come gli alimenti o di lusso. L'Italia è mal gestita e scarsamente gestita sotto il profilo dei mezzi pubblici!!!... Leggi tutto
13-3-2014 00:02

Sul problema costi non ci piove. Ma studiare soluzioni innovative, correggimi se sbaglio, avrebbe lo stesso problema: all'aumentare della velocità aumenta il costo. Quindi il trasporto della merce non avrebbe mai senso. Per il trasporto delle persone ha un senso fino ad un certo punto: ad esempio i pendolari ne avrebbero un vantaggio... Leggi tutto
12-3-2014 22:21

Impedisce i costi! Trasportare un peso ad 50 km orari costa 100 volte meno che trasportarlo sui 300km/h. Allora si studiano mezzi ad alta velocità innovativi, perchè quelli tradizionali hanno questo limite. Nota: In Francia, anche dopo che sono passati diversi decenni, hanno ancora l e solo le principali che sono in alta velocità. ... Leggi tutto
16-2-2014 00:42

Riprendo questo post dopo un bel po'. Noi parliamo sempre di TAV per il trasporto persone. Cosa impedisce il trasporto merci? Ricordo che quando si cominciarono a studiare i treni ad alta velocità si svilupparono due scuole di pensiero. Una, francese, impose di costruire o ricostruire tutte le tratte per adattarle alle nuove velocità.... Leggi tutto
15-2-2014 23:53

Appunto una prova in più malgrado che sbraitano i TAV-isti il contrario. --- Il Treno normale permette " di togliere dalla strada auto e dal cielo aerei con benefici nella lotta alle emissioni...". Il TAV solo qualche auto ma moltissimo dai treni normali dato che le tratte sono sempre le stesse. Il TAV emette molta più CO2... Leggi tutto
24-9-2013 14:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 gennaio


web metrics