Il biocarburante ottenuto grazie all'Escherichia Coli

Batteri e funghi collaborano per produrre un sostituto della benzina efficiente e non inquinante.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-09-2013]

isobutanolo

Com'è ormai noto, i biocarburanti risolvono alcuni problemi ma ne creano altri, a partire dalla concorrenza che creano tra l'utilizzo di certi vegetali per l'alimentazione o per la produzione di etanolo.

Un gruppo di ricercatori dell'Università del Michigan ha però ideato un sistema che permette di produrre un biocarburante migliore dell'etanolo e senza intaccare i cereali a uso alimentare.

Utilizzando un fungo - il Trichoderma reesei - e un batterio - il ben noto Escherichia Coli - gli scienziati sono riusciti a produrre dell'isobutanolo, un sostituto più efficiente dell'etanolo in grado di offrire l'82% del potere calorifico della benzina.

Inoltre, mentre l'etanolo viene generalmente adoperato come additivo alla benzina, l'isobutanolo potrebbe sostituirla in toto e, a differenza dell'etanolo, senza rovinare i motori o corrodere i tubi.

La professoressa Xiaoxia Lin, a capo del progetto, ha ideato il sistema che adopera il fungo per produrre zuccheri dalle piante, e un ceppo di Escherichia Coli geneticamente modificato per convertire questi zuccheri in isobutanolo.

Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1694 voti)
Leggi i commenti (23)

In tal modo si riescono a produrre 1,88 grammi di isobutanolo per ogni litro di fluido, ossia un quantità record rispetto a tutti gli altri sistemi attuali.

La tecnica della professoressa Lin presenta altri vantaggi, tra cui il fatto che viene applicata agli scarti del mais - gambi e foglie - e quindi non entra crea alcun problema all'utilizzo del mais stesso come cibo.

Jeremy Mint, primo autore dello studio relativo a questa scoperta e che sarà pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, afferma: «Gli Stati Uniti hanno il potenziale per produrre in modo sostenibile un miliardo di tonnellate o anche più di biomassa ogni anno, il che è abbastanza per produrre biocarburanti che ci permetteranno di fare a meno di almeno il 30% dell'attuale produzione di petrolio».

Lo stesso metodo adoperato per la produzione dell'isobutanolo - afferma la professoressa Lin - può essere applicato anche alla produzione di plastica e per eliminare i vegetali di scarto, modificando in maniera differente i batteri; inoltre, dato che tutti gli "ingredienti" vengono immessi in un unico contenitore, l'infrastruttura necessaria è relativamente semplice e i costi risultano contenuti.

isobutanolo 2

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Energia rinnovabile dal batterio E. Coli
Da Audi il biocarburante più dolce del mondo
Un biocarburante pulito dalla CO2
L'aereo di linea che va a olio da cucina
L'auto che viaggia a formaggio
Il gene che moltiplica il biocarburante
Biodiesel dal grasso degli alligatori
Biodiesel dalle patatine fritte
Biocarburante dalle alghe, ci pensa Ford
Il biodiesel si ricava dai fondi di caffé
Biodiesel e carburanti vegetali: convengono davvero?

Commenti all'articolo (3)


Sembra un buon inizio ma temo che ci vorrà ancora molto tempo per un utilizzo industriale ed economicamente competitivo con i carburanti fossili, sempre che ci si possa arrivare. :?
17-9-2013 18:46

Bello peccato che: 1) Queste tecniche hanno un processo lentissimo e non efficiente, solo una piccola percentuale viene convertita. 2) Da decenni cercano di migliorarlo con esiti disastrosi. 3)l' Isobutano è un gas! Quindi è più difficile trasportarlo e distribuirlo che un liquido! Oltretutto e inodore e incolore quindi bisogna... Leggi tutto
17-9-2013 17:26

Ottimo! :D Forza così! :wink: Ma non illudetevi. Non basterà ad evitare un secolo tremendo. Non basterà ad evitare il collasso. :twisted:
16-9-2013 23:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (397 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics