Ricarica wireless per le auto elettriche

Le stazioni di ricarica si mascherano da tombini, risolvendo l'annoso problema dell'autonomia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-11-2013]

chiusini ricarica 04

«Stavo passeggiando per la strada [a New York, NdR], riflettendo su come si potesse realizzare una rete di ricarica wireless. Mi trovavo tra la 116esima e Broadway e abbassando lo sguardo vidi un chiusino. E pensai: ecco la soluzione. Non ci sono cavi, non ci sono pericoli. Si può nascondere tutto sotto il chiusino».

A parlare così è Jeremy McCool, CEO di Hevo, il quale ha in tal modo ideato un sistema di ricarica senza fili per le auto elettriche che non sia ingombrante e che, potenzialmente, possa trovarsi pressoché ovunque, risolvendo il problema dell'autonomia di questi veicoli. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Scegli il tuo percorso. Sondaggio di Stefano Bargiacchi
Percorso A: Triciclo, Bicicletta, BMX, ZX/Booster, MINI, BMW, Porsche, Ferrari, Pagani, Aston Martin, Bentley. - 18.5%
Percorso B: Triciclo, Bicicletta, Scarabeo/SKY, Bicicletta, Panda, Yaris, Ford Focus, Monovolume Citroen, Panda 4x4. - 26.6%
Percorso C: Triciclo, Bicicletta, Mezzi, Twingo, Mezzi, Bicicletta ATM. - 9.0%
Percorso D: Triciclo, Bicicletta, Bicicletta vintage, Scatto fisso, Bicicletta vintage, Mezzi. - 6.6%
Percorso E: Triciclo, Bicicletta, Mezzi. - 22.8%
Percorso F: Triciclo, Bicicletta, Motorino 50 a forma di moto, Moto 125 ancora più a forma di moto, Moto da strada, Moto da Enduro, Moto da Motard, Moto da Granturismo, T Max. - 16.5%
  Voti totali: 346
 
Leggi i commenti (4)
Il sistema di Hevo, che dall'esterno ha davvero l'aspetto di un normale chiusino, adotta per la ricarica delle batterie non il diffuso sistema a induzione (adoperato anche per certi smartphone) ma un sistema a risonanza magnetica. Questa scelta è stata fatta perché l'induzione causa un'eccessiva dispersione di energia.

A differenza del sistema a induzione, in cui la bobina primaria crea un campo elettromagnetico captato dalla bobina montata sul veicolo, entrambe le bobine sono connesse a condensatori che risuonano a una specifica frequenza: il risultato è che ci sono meno perdite e si può trasmettere più energia e più rapidamente.

A completare il sistema c'è poi un'app per smartphone che permette ai possessori di veicoli elettrici di parcheggiare esattamente al di sopra della stazione di ricarica.

Il sistema di Hevo è classificato negli USA come stazione di ricarica di livello 2: funziona a 220 Volt e trasmette 10 kWatt di energia dall'impianto al veicolo, ma la potenza teoricamente raggiungibile è superiore.

Hevo sta collaborando con la Città di New York ma anche con PepsiCo, Wallgreens e City Harvest per diffondere il più possibile il proprio sistema: dimostrandone la validità otterrà interesse da ulteriori soggetti.

chiusini ricarica 01
chiusini ricarica 02
chiusini ricarica 03

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Regno Unito testa le autostrade elettriche
Ricarica wireless per le auto elettriche di BMW
Audi pensiona le stazioni di ricarica per auto elettriche
Ricarica wireless per 40 telefonini in contemporanea
Toyota ricarica l'auto elettrica in 90 minuti
Ricaricare il cellulare col Wi-Fi
Da Sony la ricarica wireless in meno di un'ora
Singapore sperimenta l'auto che si guida da sola
Hyperloop, il supertreno che viaggia alla velocità del suono
Google lancia il nuovo Nexus 7: ha già Android 4.3
Nokia svela i Lumia a ricarica wireless

Commenti all'articolo (3)

Forse sarebbe da scrivere "trasmette 10kW di potenza" oppure "trasmette 10kW/h di energia" Leggi tutto
23-11-2013 14:58

così non si va da nessuna parte. si devono cambiare la batterie al distributore così si noleggiano e la machina costa meno, non solo, le 7 sorelle comunque lavorano....
22-11-2013 08:21

{utente anonimo}
Domandone 1: e se qualcuno ci cammina sopra? Domandone 2: Metti pure che sia sicuro anche per i pedoni (beh insomma, un sistema a risonanza magnetica... se hai una protesi o un pacemaker cosa succede?), ma telefonini, tablet, orologi, ecc. cosa succede?
21-11-2013 15:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (397 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics