SkyCycle, una pista ciclabile nel cielo di Londra

Oltre 200 km di pista sopraelevata per regalare ai ciclisti uno spazio sicuro e libero dalle auto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2013]

skycycle

Girare in città in bicicletta è un'attività salutare ed ecologica, ma spesso anche pericolosa: far convivere in uno spazio relativamente ristretto auto, pedoni e ciclisti significa spesso doversi inventare acrobazie urbanistiche, e lo stato di molte piste ciclabili ne è la prova.

Lord Norman Foster, architetto britannico, ha in mente una soluzione avveniristica per risolvere il problema a Londra: spostare le piste ciclabili nel cielo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il comandante dei vigili urbani di Roma ha proposto ai cittadini di segnalare su Twitter il numero di targa delle auto in sosta vietata.
E' giusto, la devono smettere. - 43.2%
E' una violazione grave della privacy. - 5.6%
Dovrebbero pensare ai parcheggi, altro che Twitter. - 14.7%
I vigili dovrebbero girare di più invece di stare in ufficio. - 36.5%
  Voti totali: 1174
 
Leggi i commenti (29)
Il progetto prende il nome di SkyCycle ed è una grande pista lunga 219 km che va dalla zona est di Londra alla Liverpool Street Station, elevandosi al di sopra delle ferrovie.

Il costo stimato per la realizzazione è di 220 milioni di sterline (oltre 260 milioni di euro) e, per quanto riguarda i tempi, si parla di 20 anni, ma il risultato sarebbe un'alternativa completamente sicura per tutti coloro che desiderano muoversi in bicicletta, i quali oltretutto vedrebbero ridursi i tempi di spostamento da un capo all'altro della città di quasi mezz'ora.

«SkyCycle è una strategia laterale per trovare spazio in una città congestionata» spiega Foster. «Utilizzando i corridoi al di sopra della ferrovia suburbana, possiamo creare una rete di strade sicure e senz'auto poste in luoghi ideali per i pendolari». L'articolo continua dopo il video.

Secondo l'architetto britannico la realizzazione di SkyCycle, cui si potrebbe accedere tramite oltre 200 rampe, permetterebbe di raggiungere lo stesso bacino di utenza che sarebbe servito da nuove strade e tunnel, ma a un costo molto inferiore.

Al momento il progetto è nella fase in cui si cercano partner interessati a supportarlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Ma quale senso ha costruire una rete ciclabile sovrapposta alla rete di ferrovie suburbane? Uso della bici e trsporto pubblico (soprattutto le linee di forza come le s-bahn) sono molto più mezzi complementari che alternativi: la bici è mirata soprattutto a spostamenti brevi, le s.bahn lunghi. E' la sinergia tra i due mezzi che va... Leggi tutto
2-1-2014 11:39

{Fabrizio}
Mi preoccuperebbe fare la salita della rampa...
1-1-2014 23:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (403 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 giugno


web metrics