A processo il fondatore del gruppo Facebook contro Trenitalia

Verrà processato a Roma il fondatore del gruppo contro l'amministratore delegato delle Ferrovie Mauro Moretti. L'accusa è di diffamazione aggravata e di istigazione a delinquere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-02-2014]

Mauro Moretti

Un architetto quarantenne di Bergamo nel 2008 aveva fondato il gruppo "Un caro vaff... a Mauro Moretti, amministratore delegato FS", sottotitolo "In centomila per mandarlo a casa a calci in c...!", ricevendo numerose adesioni e commenti.

La pagina in seguito era stata oscurata e Mauro Moretti aveva denunciato il passeggero per diffamazione aggravata e istigazione a delinquere; in seguito la Polizia Postale aveva anche perquisito la sua casa.

Nei prossimi giorni a Roma verrà celebrato il processo a carico suo e di un altro utente che aveva commentato con una frase ritenuta diffamatoria.

Secondo il suo avvocato difensore "si tratta di espressioni forti, ma non di accusa gratuite: sono critiche strutturate, non a casaccio".

Nel frattempo, curiosamente, il gruppo è tornato online. Oggi è decisamente meno frequentato, ma vi si possono ancora leggere numerosi testi controversi.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3788 voti)
Leggi i commenti (20)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Facebook, offendere è diffamazione, anche senza fare nomi

Commenti all'articolo (3)

Se le condizioni di viaggio sono quelle descritte, il processo dovrebbero farlo a quelli di trenitalia.
20-2-2014 23:23

Hai ragione. La linea Milano Genova fa schifo. Faceva schifo 15 anni fa quando andavo a scuola. Fa schifo ora, non è migliorato nulla. Il cambiamento avvenuto è solo sul prezzo dell'abbonamento che è salito a dismisura. Sentire uno di ferrovie che si lamenta per gli insulti è ridicolo.
14-2-2014 08:29

.robert m.
Io faccio la tratta Torino/genova/levanto dal 2005 almeno 20 viaggi l'anno. I bagni o wc costantemente chiusi o inagibili e porte chiuse dal peronale. mamma spesso infuriate che vagano da un vagone all'altro con ilpargolo che deve psss pssss. l'mpianto di riscaldamento due volte rotto nella tratta tra Torino e Genova con una vecchia... Leggi tutto
13-2-2014 12:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics