NSA: Google e Facebook sapevano tutto

I dirigenti che negavano cercavano solo di salvare la faccia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2014]

nsa google facebook sapevano

La NSA non è più disposta a fare la parte del cattivo mentre le grandi aziende che operano nel web si ritagliano su misura la parte di povere vittime innocenti.

Durante un'audizione presso la Privacy and Civil Liberties Oversight Board Rajesh De, della NSA, ha candidamente affermato che le aziende sapevano tutto.

Sapevano che l'Agenzia raccoglieva i dati e sapevano che esisteva un sistema per analizzarli; con ogni probabilità non sapevano che tale sistema era chiamato PRISM, poiché quello «era un termine usato internamente al governo, che è diventato pubblico a causa delle fughe di notizie».

Al di là dei nomi, però, Facebook, Google, Microsoft, Yahoo e tutti gli altri non solo sapevano, ma cooperavano. Né potevano fare altrimenti perché la loro cooperazione era stata ottenuta tramite ordini del tribunale.

Il fatto che dopo lo scoppio del datagate tutti i dirigenti si siano affrettati a dichiarare la propria estraneità e ignoranza rispetto alle azioni dell'amministrazione americana va letto per quello che è: un tentativo di salvare la faccia.

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta pi un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di pi importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando gi nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3001 voti)
Leggi i commenti (15)

In quest'ottica rientra anche la recente dichiarazione di Mark Zuckerberg, il quale ha affermato di aver protestato personalmente con il presidente Obama per tutta la vicenda della NSA.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
Snowden rivela l'Echelon britannica
Google collaborava segretamente con la NSA
Google smentisce coinvolgimento in datagate e annuncia più crittografia
USA, così il governo spia gli utenti di Facebook, Google e Microsoft

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni pi importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando cos eventuali falle di sicurezza gi scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Caf, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1770 voti)
Aprile 2021
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 aprile


web metrics