La nave che va ad acqua di mare

L'ha ideata la Marina Militare USA.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2014]

carburante navi acqua mare

L'auto che funziona ad acqua è uno di quei sogni generalmente relegati nel regno della fantascienza. La nave che funziona ad acqua, invece, sarà presto realtà.

L'incredibile invenzione è merito delle ricerche svolte dagli scienziati del Naval Research Laboratory della Marina Militare degli Stati Uniti, i quali hanno scoperto un modo di ottenere carburante per navi e aerei partendo dall'acqua di mare. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Dicono che il software è la parte del computer contro la quale è possibile solo imprecare, l'hardware è quella che si può anche prendere a calci. Quale hai preso a calci più frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1406 voti)
Leggi i commenti (9)
Si inizia estraendo idrogeno e anidride carbonica dall'acqua. Questi gas vengono poi fatti passare in una speciale camera dove avviene una reazione con un catalizzatore ferroso.

I gas formano quindi idrocarburi insaturi e formano metano come sottoprodotto. Gli idrocarburi vengono quindi adoperati per formare molecole più lunghe, che contengono da sei a nove atomi di carbonio.

Con un ulteriore catalisi, questa volta basata sul nickel, si ottiene il carburante.

La marina statunitense spera di poter utilizzare questo prodotto sia per le navi che per gli aerei: in effetti, il primo esperimento è stato condotto con successo proprio su un modellino di aereo. L'articolo continua dopo il video.

Porre fine alla dipendenza dal petrolio è particolarmente importante per le forze navali americane, che al momento - sottomarini e portaerei esclusi - dipendono da 15 petroliere per i rifornimenti, con tutti i rischi che le operazioni comportano anche per l'ambiente.

Tra i vantaggi del carburante ricavato dall'acqua c'è la possibilità di utilizzarlo nei motori attuali, senza dover apportare alcuna modifica.

Dopo aver dimostrato la percorribilità di questa strada, ora gli scienziati puntano ad aumentare l'efficienza del processo. Ritengono tuttavia che ci vorrà ancora una decina d'anni prima che le navi possano produrre da sé il carburante necessario.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
È tedesca l'auto che va ad acqua salata
Petrolio dalle alghe in meno di un'ora
Il ritorno dei dirigibili
Un biocarburante pulito dalla CO2
L'aereo di linea che va a olio da cucina

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

In teoria la cosa potrebbe anche essere fattibile (in fondo pure i jet in teoria vanno ad aria... se non si tiene conto di quel piccolo dettaglio del combustibile da aggiungere all'aria compressa prima di inviarla alla turbina... :roll: ) Nel mondo della realta', invece, il bilancio energetico e' totalmente a sfavore, come hanno gia'... Leggi tutto
11-4-2014 11:06

[code:1:db70be5ed7][quote]Si inizia estraendo idrogeno e anidride carbonica dall'acqua.[/quote][/code:1:db70be5ed7] Bellissimo, ci vuole una montagna d'energia per far questo... Dove la prendono??? :lol: :lol: :lol: Ciao
10-4-2014 23:52

Penso che nel passaggio di fonte in fonte si sia un po' calcato la mano: forse l'idea originale, comunque ben poco proponibile IMO, è non alimentare navi ma alimentare piccoli mezzi marini/da sbarco, piccoli elicotteri, droni, unità sottomarine autonome ecc impiegati su portaerei: queste sono tutte dotate di reattori nucleari che... Leggi tutto
10-4-2014 11:54

Questa si che è semplicistica! Ma le navi da guerra sono strategiche per cosa, secondo te? Secondo me, in massima parte, di questi tempi sono strategiche per fare guerre tese ad assicurarsi il controllo dell'energia! Centrali energetiche sulle navi? Facciamole per terra, costano certamente molto meno (logistica, pesi, volumi ed aree... Leggi tutto
10-4-2014 00:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2465 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics