Samsung Z, il primo smartphone con Tizen

Svelato anche il Galaxy W, phablet da 7 pollici con Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2014]

samsung galaxy w 7 inch

Meno di un mese fa, Samsung aveva annunciato l'arrivo di smartphone con Tizen, il sistema operativo sviluppato "in casa" partendo da Bada e MeeGo.

Ora il primo esemplare di questa famiglia si appresta a svelarsi: nella giornata di oggi l'azienda coreana presenterà Z, uno smartphone con schermo da 4,8 pollici e, per l'appunto, Tizen.

All'interno troviamo un processore quad core a 2,3 GHz, 2 Gbyte di RAM e 16 Gbyte di memoria interna (espandibili tramite microSD); vi sono poi fotocamera posteriore da 8 megapixel, fotocamera anteriore da 2,1 megapixel e batteria da 2.600 mAh. La versione di Tizen è la 2.2.1.

«Il Samsung Z integra la potenza e l'adattabilità della piattaforma Tizen, consentendo agli utenti di navigare sul web più velocemente e utilizzare più efficacemente le applicazioni» ha fatto sapere Samsung, che non manca di ricordare come Tizen sia anche la piattaforma dello smartwatch Gear 2.

Dal punto di vista degli utenti, la differenza rispetto ad Android per quanto riguarda l'uso dovrebbe essere minima; per Samsung, Tizen è l'occasione di entrare con decisione nel mercato delle app.

Sondaggio
Qual è la tua app di instant messaging preferita?
WhatsApp
Telegram
Wickr
LINE
Kik
Tango
WeChat
Viber
Indoona
Snapchat
Facebook Messenger
Un'altra (indicala nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (2337 voti)
Leggi i commenti (18)

In attesa che Tizen riscuota il successo che Samsung si augura, l'azienda continua a investire su Android presentando il Galaxy W.

C'era già uno smartphone con questo nome ma il Galaxy W di cui parliamo ora è un phablet con schermo da 7 pollici in 16:9 e risoluzione di 1280x720 pixel.

All'interno ci sono un processore quad core a 1,2 GHz, 1,5 Gbyte di RAM e 16 Gbyte di memoria (espandibile via microSD). Non mancano la fotocamera posteriore da 8 megapixel e quella frontale da 2 megapixel, mentre la batteria è da 3.200 mAh.

La versione di Android prescelta è la 4.3 Jelly Bean, naturalmente personalizzata da Samsung. Ancora non è dato sapere se e quando riusciremo a vederlo in Italia; nei mercati in cui è presente, il prezzo di vendita è di circa 300 euro.

Samsung Z Tizen 3
Samsung Z

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Samsung rimanda il lancio dello smartphone con Tizen
I primi smartphone con sistema operativo Samsung
Addio Android, benvenuto Tizen
Il primo tablet basato su Tizen
Samsung fonde Bada con Tizen

Commenti all'articolo (1)

Come estetica, il dispositivo mi sembra meno accattivante dei vari Galaxy S...
7-6-2014 15:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics