Amazon nel mirino del fisco europeo

Le manovre fiscali per pagare meno tasse insospettiscono Bruxelles.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2014]

amazon fisco europa

È un gran bel momento per Amazon, almeno al di là dell'oceano: l'azienda di Jeff Bezos cresce come non mai (+17% nel 2013) e pare non avere intenzione di fermarsi.

Con un fatturato di 44 miliardi di dollari, Amazon è ora di diritto nella top ten della classifica delle 10 migliori per quanto riguarda il commercio al dettaglio, essendo appena passata dell'undicesimo al nono posto.

Al di qua dell'Atlantico, però, qualche nuvola inizia ad addensarsi; non si tratta di problemi legati all'attività in sé ma di sospetti avanzati dall'Unione Europea.

La questione riguarda problemi fiscali e, in particolare, tocca l'eterno problema dei "trucchetti" - peraltro perfettamente legali - usatissimi dalle grandi aziende per pagare meno tasse: per esempio aprendo la sede europea in uno Stato favorevole dal punto di vista fiscale e facendo passare i ricavi tra diverse società in diversi Paesi.

Il caso particolare di Amazon, così com'è stato ricostruito dal Financial Times, riguarda la struttura messa in piedi in Lussemburgo, grazie alla quale le tasse pagate dall'azienda sono calate dell'8% sino al 31,8% dell'anno scorso.

Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2257 voti)
Leggi i commenti (10)

I meccanismi adoperati per ottenere questo risultato sono vari e complessi e comprendo l'utilizzo di diverse società; per esempio la lussemburghese Amazon EU Sarl realizza profitti nel Vecchio Continente grazie al fatto che possiede i magazzini e gestisce i pagamenti, e l'anno scorso ha pagato 2,1 miliardi di dollari alla connazionale Amazon Europe Holding Technologies, che possiede la proprietà intellettuale; tutte queste società, alla fine, fanno ovviamente capo ancora ad Amazon.

L'Unione Europea che all'interno di tutti questi giri il ruolo svolto dal Lussemburgo non sia chiarissimo e che si possa ravvisare un supporto dato dal Governo di quel Paese ad Amazon assimilabile a degli aiuti di Stato.

Ciò sarebbe in contrasto con le norme europee, ed è per questo che le indagini sono già state avviate: l'attuale Commissario Europeo per la concorrenza, Joaquín Almunia, vorrebbe vedere i risultati prima di lasciare il proprio posto, ma non è detto che ci riesca.

A essere precisi, quindi, l'UE sta facendo pressioni sul Lussemburgo, e non su Amazon direttamente; qualora però il sospetto di aver fornito aiuti all'azienda venisse provato, allora Amazon dovrebbe restituire quanto ricevuto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, poche tasse grazie ai paradisi fiscali

Commenti all'articolo (4)

Continuiamo a chiamarla Unione Europea ma di unito c'è ben poco quando ci sono paesi che continuano a favorire pratiche fiscali atte ad avvantaggiarli rispetto agli altri paesi dell'unione in fatto di appeal per le sedi delle grosse multinazionali. Si decidesse una politica fiscale ed economica comune con regole semplici, chiare ed... Leggi tutto
5-7-2014 16:28

{ciano}
una cosa è certa i disonesti nel mondo sono superiori agli onesti, pensano solo a se stessi ma senza il prossimo non farebbero profitti neanche loro, salve a tutti
5-7-2014 09:51

Non capisco queste cose... Se sono legali allora non sono "trucchetti"; e comunque scommetto gli attributi maschili che tali "trucchetti" vengono praticati anche dalle (piu' o meno) grandi industrie europee, o vogliamo pensare che queste ultime siano cosi' magnanime da "regalare" milioni di euro ai propri... Leggi tutto
5-7-2014 09:11

Spero che a questo punto Amazon si faccia valere e pretenda una normativa fiscale unica per tutta l'Europa. Anche solo per una questione di principio. È inutile parlare di Unione Europea se poi ogni Paese utilizza sistemi diversi. Cominciamo con l'unificare le cose, otterremo anche di rendere più semplice la vita a molti. Pensiamo solo a... Leggi tutto
4-7-2014 16:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1911 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics