Una sola Terra non basta più

Il consumo delle risorse è troppo veloce. E intanto il numero dei vertebrati si dimezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2014]

wwf living planet report 2014

È allarmante (com'era prevedibile) l'edizione 2014 del Living Planet Report stilato dal WWF.

Primo motivo d'allarme, secondo l'associazione, è il calo drastico del numero di vertebrati che si è registrato negli ultimi 40 anni: «il Living Planet Index, che misura più di 10.000 popolazioni rappresentative di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci, è calato del 52% dal 1970» si legge nel rapporto.

«La nostra è una chiamata urgente all'azione, non possiamo più aspettare» sostiene Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia. «La biodiversità è una parte cruciale del sistema che sostiene la vita sulla Terra oltre che il barometro di quello che stiamo facendo alla Terra, la nostra unica casa. Abbiamo la necessità urgente di agire in tutti i settori della società per costruire un futuro più sostenibile».

Il secondo motivo riguarda invece l'«impronta ecologica» legata allo stile di vita: viviamo «come se avessimo più di una sola Terra a disposizione», in pratica consumando le risorse più velocemente di quanto il pianeta riesca a produrne di nuove.

Nella fattispecie, il WWF ha calcolato che se tutti adottassero lo stile di vita attuale di un cittadino europeo (lo stesso valore si applica anche considerando la sola Italia) servirebbero 2,6 pianeti. Le media globale, invece, si attesta a 1,5 pianeti, come nel 2010.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di più?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (3792 voti)
Leggi i commenti (22)

All'interno della UE, gli Stati che si distinguono in negativo sono la Danimarca e il Belgio (4,3 pianeti), seguiti da Svezia (3,7 pianeti), Olanda (3,6 pianeti) e Irlanda (3,2 pianeti).

La metà esatta dell'impronta ecologica europea calcolata dal WWF è attribuita alle emissioni di anidride carbonica - un imputato che non può mancare in alcun rapporto ambientalista che si rispetti - derivate dalla combustione di petrolio, carbone e gas naturale.

Secondo il WWF le occasioni di agire non mancano: la prima è il Consiglio Europeo fissato per i prossimi 23 e 24 ottobre e che tratterà delle politiche relative a clima ed energia all'interno dell'Unione sino al 2030; poi c'è la Conferenza sui Cambiamenti Climatici, fissata dall'ONU per dicembre a Lima, in Perù; infine c'è la Conferenza di Parigi nel 20125.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Una sola Terra non è sufficiente
Il WWF crea il file che non si può stampare
WWF: la Terra non ci basta più, ne servirebbero due
Il WWF a braccetto con Microsoft
Intel e Google collaborano col WWF

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Ahi ahi ahi, qui alcuni Stati, mostri sacri della sostenibilita', sbandierati come esempio dagli ecotaliban nostrani, ne escono decisamente maluccio... Molto peggio della antiecologica ed eccessivamente motorizzata Italia.
2-10-2014 04:20

Se facciamo tesoro di questa esperienza, forse, nel prossimo ecosistema che si sviluppa fino ad una specie civile, riusciremo a fare di meglio. :roll:
1-10-2014 23:57

È un processo transitorio anche il nostro. Siamo destinati a soccombere grazie alle scelte scellerate di alcuni, in nome del "progresso" e della ricchezza di pochi. :cry:
1-10-2014 19:55

Il problema grosso è che l'unico vertebrato che dovrebbe estinguersi per poter salvare la Terra continua a proliferare e moltiplicarsi con la velocità e la virulenza di un cancro. :twisted:
1-10-2014 19:09

{trejanu}
E' interessante vedere la quantità di "allarmi" che circolano, specialmente paragonandola alla quantità di azioni in risposta a questi allarmi. Non mi stupisce che siano calati i vertebrati: questi sono tempi per invertebrati...
1-10-2014 11:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6302 voti)
Giugno 2019
Bill Gates confessa il suo errore più grande
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Tutti gli Arretrati


web metrics