Il malware che spia i manifestanti di Hong Kong

Realizzato dal governo cinese, colpisce iPhone e Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-10-2014]

manifestanti hong kong iphone

L'allarme arriva dal New York Times: un'app sta spiando i manifestanti di Hong Kong che stanno protestando con la campagna Occupy Central.

Si diffonde tramite messaggi di phishing che arrivano via WhatsApp. Gli utenti ricevono messaggi che dicono: «Guarda questa app per Android, progettata da Code4HK per la coordinazione di OCCUPY CENTRAL!».

Insieme al messaggio viene fornito un link e chi lo segue si trova a scaricare un software spia: secondo Lacoon Mobile Security, l'app dà al suo autore accesso ai dati personali dell'utente su cui è installata, tra cui le chiamate telefoniche, gli SMS e la posizione dello smartphone.

Code4HK, ovviamente, non ha nulla a che fare con lo sviluppo dell'app né con i messaggi; secondo Michael Shaulov, CEO di Lacoon, l'autore sarebbe invece il governo cinese, che avrebbe scelto di adoperare queste tattiche da cybercriminali per spiare gli oppositori.

«Si tratta di trucchetti di social engineering molto semplici, ma che hanno un elevato tasso di successo» spiega Shaulov.

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1373 voti)
Leggi i commenti (13)

L'affermazione si basa sul fatto che le comunicazioni sembrano dirette a server analoghi a quelli utilizzati per lanciare i cyberattacchi rivolti verso gli USA di recente, e che erano stati attribuiti proprio alla Cina.

Il malware non colpisce soltanto gli smartphone con Android, ma anche gli iPhone sebbene, per quanto riguarda i dispositivi iOS, siano affetti soltanto quelli su cui sia stato effettuato il jailbreak.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
75.000 iPhone infettati
La mappa che mostra tutti gli attacchi hacker
Spyware di stato: le app spione del governo
La mappa dell'hacking in tempo reale
iPhone, cento motivi per effettuare il jailbreak

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3242 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics