Ecco come Windows 10 incrementa la sicurezza del sistema

Microsoft vuole trasformare lo smartphone in una ''chiave'' per accedere al PC.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2014]

windows 10 sicurezza due passaggi

Sembra di assistere alla vendetta dei token hardware: per un certo periodo considerati per lo più alla stregua di anticaglie, dopo che Google ne ha certificato l'utilità per l'identificazione in due passaggi, ora anche Microsoft li vuole utilizzare in Windows 10.

Nel blog ufficiale dedicato a Windows, l'azienda di Redmond ha infatti illustrato come, tra le caratteristiche di sicurezza del nuovo sistema operativo, ci sia il superamento della tecnica di autenticazione basata soltanto sulle password.

Dopotutto, l'autenticazione in due passaggi sta prendendo sempre più piede presso i vari servizi web; soltanto il PC sembra essere rimasto legato a un sistema a singolo passaggio (la password, appunto).

Per accedere a Windows 10, oltre alle tradizionali credenziali occorrerà infatti adoperare anche un dispositivo fisico all'interno del quale siano conservate informazioni in grado di identificare con sicurezza l'utente: a questo scopo si potrebbe utilizzare una smartcard, ma ciò richiederebbe a tutti di dotarsi di un apposito lettore.

Uno smartphone, invece, nelle intenzioni di Microsoft rappresenta lo strumento ideale: tutti ne hanno uno, ed è semplice dotarlo di un software per gestire l'accesso a Windows.

L'autenticazione al sistema funzionerà quindi così: oltre a inserire nome e password, l'utente dovrà avere a portata di mano il telefono con Bluetooth o Wi-Fi attivo (ed è indispensabile che anche il PC supporti l'una o l'altra tecnologia).

Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6483 voti)
Leggi i commenti (71)

All'interno del telefono sarà conservata una chiave identificativa univoca dell'utente, che potrà essere un PIN o l'impronta digitale. Lo smartphone comunicherà tale chiave al PC che, avendo ricevuto anche la password via tastiera, garantirà a quel punto l'accesso.

Nelle intenzioni di Microsoft, tale sistema servirà per autenticarsi non solo sul computer, ma anche sui vari servizi online o nelle strutture Active Directory o Azure Active Directory. Il tutto, supportato direttamente dal sistema operativo.

Inoltre, Windows 10 proteggerà gelosamente i codici di accesso generati una volta che l'autenticazione è stata effettuata cosicché un malintenzionato, qualora riesca ad accedere al computer da remoto mentre l'utente è loggato, non possa rubare tali codici e spacciarsi per l'utente stesso.

La soluzione prevista da Microsoft sta in una sorta di "contenitore" sicuro sviluppato a partire dalla tecnologia Hyper-V, all'interno del quale saranno conservati i codici senza che sia possibile estrarli nemmeno in caso di compromissione del kernel di Windows.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft: Windows 10 sarà l'ultima versione di Windows
Google identifica l'utente con una chiavetta USB
Pagamenti con lo smartphone, troppi rischi per le app
Google dichiara guerra alle password
Metti un token nella carta di credito
Il 99% dei dispositivi Android è vulnerabile
Proteggersi dai keylogger con un token hardware

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Mi sembra evidente che negli ultimi anni M$ abbia pestato molte :shit: con Vista e Metro, mi sembra, però, altrettanto ovvio che una funzione del genere, se verrà implementata, sarà opzionale altrimenti ci sarebbe veramente da consigliargli di cambiar mestiere piuttosto che spacciatore... :wink:
2-11-2014 14:26

ro37bis, e' ovvio che si tratta di una possibilita' in piu', non di un obbligo. E' come per la criptografia. In tutte le versioni di Windows si puo' criptografare l'HD, ma nessuno ti obbliga a farlo. Se ti interessa usi lo strumento, altrimenti lo ignori. .
31-10-2014 09:17

Non ho lo smartphone, che fanno in M$ quando compri W10 te ne regalano uno solo per fare da chiave? E se poi te lo rubano o lo smarrisci perdi anche l'uso del pC? Il tutto funzionerà solo con gli smartphone M$ Lumia? Certo che il loro spacciatore la taglia proprio male l'erba, meglio che cambino tosaerba!
30-10-2014 13:06

{Shiba}
"Uno smartphone, invece, nelle intenzioni di Microsoft rappresenta lo strumento ideale: tutti ne hanno uno" Balle. Ma tanto non ho neppure Windows, quindi che facciano quello che vogliono.
30-10-2014 11:25

{Gongarov}
Diamo per scontata una cosa che non è affatto scontata: chi ha bisogno di una doppia identificazione sul proprio computer, se non poche persone ed alcune realtà aziendali che si possono arrangiare in qualche modo? C'è bisogno invece di togliere dai piedi la password e sostituirla con riconoscimento di impronte... Leggi tutto
30-10-2014 09:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai sostituito il tuo notebook (o netbook) con un tablet?
Sì, e riesco a lavorarci perfettamente.
Non l'ho ancora fatto, ma ci sto pensando.
Niente affatto, mi serve un vero notebook.
Li ho entrambi.
Non ne ho nessuno dei due.

Mostra i risultati (4215 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics