Lo Gnome di Groupon non piace agli utenti Linux

Il popolare ambiente desktop dichiara guerra al sito di coupon. E vince.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-11-2014]

groupon gnome

Chiunque abbia utilizzato Linux per un po' sa che Gnome è un ambiente desktop piuttosto popolare, che si contende gli utenti con KDE (e non solo) ed è in circolazione dal lontano 1997.

Dal 2006, poi, Gnome (scritto GNOME, poiché si tratta in realtà di un acronimo) è anche un marchio registrato, oltre a essere l'ambiente predefinito di diverse distribuzioni Linux.

Nonostante tutto ciò Groupon, quando ha dovuto cercare un nome per il proprio nuovo sistema tablet dedicato ai venditori, ha scelto proprio Gnome.

Comprensibilmente, la Gnome Foundation s'è preoccupata: contestare un marchio a un gigante come Groupon, che ha subito avviato 28 richieste di registrazione di Gnome, è parsa subito un'impresa.

Così la fondazione si è rivolta alla comunità open source puntando a raccogliere 80.000 dollari - somma necessaria per opporsi alle prime 10 registrazioni - e a raccogliere le voci di dissenso verso l'operato di Groupon.

«La comunità GNOME è stata scioccata dall'apprendere che Groupon avrebbe adoperato il nostro marchio per un prodotto così strettamente collegato al desktop e alla tecnologia GNOME» ha scritto la fondazione nella lettera aperta in cui chiedeva l'aiuto della comunità.

Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2459 voti)
Leggi i commenti (5)

«Per noi è quasi inconcepibile che Groupon, con oltre 2,5 miliardi di dollari di fatturato annuo, un folto gruppo di avvocati e un'enorme staff tecnico non abbia mai sentito parlare del progetto GNOME, trovato la nostra registrazione del marchio facendo una ricerca casuale, o almeno scoperto il nostro sito, eppure li abbiamo contattati e abbiamo chiesto loro di scegliere un altro nome» continua la lettera.

Da principio, Groupon ha rifiutato di soddisfare le richieste della Gnome Foundation. Poi, però, probabilmente dopo aver visto crescere il numero di persone che le davano contro, ha capitolato e ha ritirato le richieste di registrazione del marchio Gnome.

Sul proprio sito, Groupon ora afferma di «amare l'open source», parla delle conversazioni che ha tenuto con profitto con la Gnome Foundation (la quale pareva di diverso avviso, ma ciò che conta è il risultato) e assicura che sceglierà un altro nome per il proprio prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
KDE compie 25 anni
MPAA: ''La birra Rated R dovrà cambiare nome''
In arrivo Ubuntu 14.04 Trusty Tahr LTS
Dopo Gnome, Ubuntu abbandona anche X

Commenti all'articolo (4)

Concordo con claraldo. E non abbiamo ancora visto il peggio della deriva di questo sistema capitalistico. :twisted:
15-11-2014 14:31

Magari il prossimo lo chiameranno Fluxbox, visto che amano l'open source e poi suona bene! :twisted:
13-11-2014 20:30

{Gianni}
Groupon si è fatta pubblicità con pochi soldi; credo che questo si celi dietro questa storia paradossale.
13-11-2014 13:07

{claraldo}
Groupon si prende il 50 percento della cifra offerta al cliente dall'inserzionista, e lo prende anche nel caso la prestazione non venga erogata/utilizzata (esperienza personale). Da una azienda così cosa si aspettano quelli dell'open source? Purtroppo molto spesso le dimensioni aziendali sono inversamente proporzionali... Leggi tutto
12-11-2014 15:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne può fregar di meno.

Mostra i risultati (3244 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics