La prima stampa 3D nello spazio

La stampante 3D della ISS ha prodotto il suo primo oggetto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-11-2014]

nasa stampa 3D

Lo scorso luglio, alla Stazione Spaziale Internazionale è stato recapitato un rifornimento un po' fuori dall'ordinario: una stampante 3D.

Realizzata da Made In Space, era la prima ad aver ricevuto una certificazione ufficiale da parte della Nasa, che contava in questo modo di rendere più pratico, veloce ed economico il rifornimento di attrezzi per la ISS: se manca, basta stamparlo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1847 voti)
Leggi i commenti (13)
Ora quella stampante è entrata in funzione e ha prodotto il suo primo oggetto: nulla di particolarmente utile, soltanto una targa con il nome del produttore e il nome della Nasa, ma è un inizio.

Con questo test si è potuto infatti capire come funzione la stampa 3D nello spazio, apprendendo per esempio che in condizioni di microgravità il materiale plastico tende ad aderire al vassoio di stampa più di quanto faccia sulla Terra. Ciò può significare anche che i diversi strati di plastica si saldino in maniera differente quando la stampa avviene in orbita.

La stampante produrrà ora altri oggetti che poi, all'inizio del 2015, verranno spediti a terra per un esame approfondito; quando gli studi saranno completati e gli eventuali problemi risolti, allora la stampa 3D diventerà un sistema ufficiale per ottenere le parti di ricambio e gli attrezzi di volta in volta necessari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{Giambattista}
Posso? E CHI SE NE FREGA! Ogni minuto che passa, ed anche adesso, muoiono molti bambini, con le mosche sugli occhi. Giambattista
27-11-2014 16:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1641 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics