Kim Dotcom fonderà l'Internet Party negli Stati Uniti

Vani gli sforzi USA di metterlo dietro le sbarre.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-12-2014]

kim dotcom partito internet usa

Sembrava che per Kim Dotcom ormai le porte della prigione stessero per riaprirsi, e invece il fondatore di Megaupload è di nuovo in giro.

L'accusa che gli era stata rivolta era di aver violato le condizioni per la libertà vigilata, che gli era stata concessa dopo l'arresto avvenuto nel 2012.

La Corte Distrettuale di Auckland ha ascoltato tutte le accuse e valutato la situazione, comprese le dimissioni del team di avvocati che sinora ha difeso Dotcom, e poi ha deciso: Kim Dotcom resta in libertà.

Gli sono state tuttavia imposte restrizioni più severe: non potrà viaggiare in elicottero né sul mare, a meno che non si tratti di un mezzo di trasporto pubblico; inoltre dovrà recarsi alla locale stazione di polizia due volte alla settimana anziché una volta sola, com'era sinora.

Dotcom s'è detto sorpreso delle nuove condizioni che gli sono state imposte e ha affermato che «si tratta di un ulteriore esempio dei tormenti e delle prepotenze del governo statunitense in combutta con quello neozelandese».

«L'intera vicenda è stata organizzata soltanto perché i miei avvocati si sono dimessi a causa della mancanza di fondi dato che Hollywood ha sequestrato i beni che ho guadagnato dopo il raid. Quindi la Corona e il Governo USA hanno sfruttato questa opportunità in un momento di debolezza per creare un caso fasullo, sostenendo che avevo violato le condizioni per la libertà vigilata» ha sostenuto ancora.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (3034 voti)
Leggi i commenti (2)

Kim Dotcom, però, non è uomo da limitarsi a inveire contro il destino avverso ed è ripartito alla carica in una maniera del tutto imprevista: ha annunciato su Twitter la fondazione di un Partito di Internet negli USA.

Ci aveva già provato in Nuova Zelanda, raccogliendo scarso successo alle ultime elezioni; ora cercherà di essere, alle elezioni del 2016, «il peggior incubo di Hillary» (Clinton), come ha dichiarato sempre su Twitter.

Kim Dotcom non si candiderà in prima persona, anche per via di problemi amministrativi con la sua nazionalità tedesca; invece, «Il Partito di Internet US sarà finanziato e gestito da cittadini americani. Io aiuterò con le pubbliche relazioni ;-)» ha scritto.

Rispondendo al modo in cui viene considerato dal governo USA, Dotcom ha dichiarato: «Non sono un pirata. Non sono un fuggitivo. Non sono a rischio di fuga. Sono il vostro combattente per la libertà di Internet e contemporaneamente sarò il peggior incubo di Hillary nel 2016!».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

C'è sempre una possibilità. :lol:
13-12-2014 15:13

A beh, se è per questo, la terra potrebbe essere centrata da un asteroide di dimensioni tali per cui la nostra razza si estinguerebbe in breve tempo ed anche questo potrebbe essere un deterrente per far si che la smettessero di rompergli i c...
13-12-2014 10:34

Non è detto. Potrebbe scoppiare prima la 4a guerra mondiale (con la 3a, quella finanziaria, ancora in corso). I problemi potrebbero diventare tali da farglielo mollare.
10-12-2014 23:43

Questo, fino a che non lo avranno annientato o costretto ad arrendersi, temo sia ancora più improbabile... :cry:
10-12-2014 08:15

Io gli auguro che si stufino di occuparsi di lui e lo lascino perdere.
9-12-2014 23:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2942 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 ottobre


web metrics