Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent

Il sistema di Microsoft è accusato di spifferare ai gruppi antipirateria le attività peer to peer dell'utente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-08-2015]

windows 10 bandito tracker bittorrent

Il lancio di Windows 10 ha causato un rinnovarsi delle preoccupazioni degli utenti circa la propria privacy, alimentate innanzitutto dalla funzione per condividere la password delle reti Wi-Fi.

Di recente sono apparse in Rete nuove notizie allarmanti ma tutte da confermare, come quella secondo la quale Windows 10 conterrebbe una funzione automatica di prevenzione della pirateria: in pratica il sistema operativo si arrogherebbe il diritto di cancellare tutti i torrent scaricati dai "siti canaglia", come The Pirate Bay.

Le cose non stanno esattamente così: in realtà tutto nasce da un fraintendimento delle Condizioni di Servizio, e in particolare dalla linea che autorizza Microsoft a scaricare sul computer aggiornamenti che prevengano l'utilizzo di giochi contraffatti sotto Windows 10.

Nonostante la portata limitata di questa novità sono in molti a essersi preoccupati delle fantomatiche "funzioni antipirateria" di Windows 10, compresi i gestori di alcuni tracker BitTorrent privati: in diversi casi, come segnala il sito TorrentFreak, i gestori stanno valutando la possibilità di bandire gli utenti dell'ultimo sistema di Microsoft.

Qualcuno ha già agito in tal senso: il tracker privato iTS ha deciso di impedire l'accesso a chi usa Windows 10, spiegando che la decisione è stata presa a causa della gran quantità di dati che il sistema operativo condivide, tra cui ci sono connessioni a MarkMonitor, azienda coinvolta nel Copyright Alert System degli USA.

Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1909 voti)
Leggi i commenti (12)

«Sfortunatamente Microsoft ha deciso di eliminare ogni sistema di protezione dei dati e inviare tutto ciò che riesce a raccogliere non solo a sé stessa, ma anche ad altri» spiega lo staff di iTS. «Uno di questi è una delle più grandi azienda antipirateria, chiamata MarkMonitor. Tra le altre cose Windows 10 invia ai server di Microsoft il contenuto dei dischi locali. Ciò è ovviamente eccessivo ed è una minaccia seria per siti come i nostri: ecco perché abbiamo dovuto agire».

Altri tracker privati, come BB e FSC, stanno pensando di fare lo stesso percorso: affermano che Windows 10 condivide con i gruppi antipirateria informazioni relative alle attività degli utenti nei circuiti peer to peer. «Pare che invii i risultati delle ricerche locali a ben note aziende antipirateria».

Occorre precisare che, sebbene il comportamento di default di Windows 10 sia improntato a una condivisione persino eccessiva dei dati degli utenti, configurando al meglio le impostazioni del sistema è possibile proteggersi dalle attività "guardone" di Microsoft, avendo cura per esempio di non accettare ciecamente le proposte predefinite ma verificando ogni dettaglio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Disabilitare il log dei dati in Windows 10
L'aggiornamento di oltre 500 Mbyte per Windows 10
Come cambiare il browser di default
Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Debutta Windows 10, che fare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Sì, scusa, volevo intendere che è tornata la scelta del browser predefinito. Da programmatore so che IE viene usato molto nelle applicazioni .NET quindi levarlo potrebbe generare problemi proprio in queste applicazioni. Non è impossibile levarlo del tutto, comunque. Finora ho usato quasi tutte le versioni di windows uscite negli anni e... Leggi tutto
27-8-2015 11:58

Semplice: se si rompe un tubo dell'acqua mi trovo la casa allagata e sono danni sia per me che per i miei vicini, e potrei dover pagare tutti i danni io, se non risulta essere un incidente dei tubi condominiali. Se il computer smette di funzionare lo porto all'assistenza e fino a che non me lo ridanno dovrò usare il cellulare per... Leggi tutto
27-8-2015 11:19

{Attilio}
Il rimedio esiste e ormai è per tutti e alla portata di tutti.Esistono una infinita di os basati su linux non costano e fanno davvero tutto.
27-8-2015 10:20

Sinceramente sto con Microsoft, e non perché sia giusto spiare i PC degli utenti ma perché bastano 30 secondi per disattivare le impostazioni al momento dell'installazione. L'utente medio lo salta a piè pari? Affari suoi, come la legge non ammette ignoranza se non è capace di usare il PC che si rivolga ad un esperto. Non è perché so che... Leggi tutto
27-8-2015 08:50

{maurizio}
L'unica vera alternativa per eludere il grande fratello e LINUX, magari XUBUNTU, pratico veloce e leggero.
26-8-2015 14:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1625 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics