La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google

Una normale bicicletta a scatto fisso svela un punto debole del veicolo autonomo di Big G.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2015]

google lexus autonoma bicicletta scatto fisso aust

C'è un motivo preciso se le auto che si guidano da sole non sono ancora sul mercato: esistono infatti cose che ancora le intimidiscono, come le biciclette a scatto fisso.

A dire la verità, che questo particolare tipo di biciclette - con un solo rapporto disponibile e senza alcun meccanismo di ruota libera - riuscisse a mettere in crisi il più famoso dei veicoli autonomi, la Google Car, non lo sapevano nemmeno gli ingegneri di Google: se ne sono però accorti quando, durante un giro di test, ne hanno incontrata una.

L'incontro è stato descritto dal proprietario della bici in un forum online ed è avvenuto a Austin, in Texas (USA): a un certo punto il ciclista, in sella alla sua bici a scatto fisso, e la Google Car automatica si sono trovati a un incrocio, arrivando da due direzioni diverse.

Non era certo la prima volta che l'auto di Google si trovava a dover gestire la precedenza con una bicicletta e, essendo arrivata allo stop un attimo prima del ciclista, tutti - ciclista e ingegneri a bordo dell'auto - si aspettavano che essa superasse l'incrocio senza difficoltà, ovviamente dopo essersi accertata che il ciclista proveniente dalla strada perpendicolare si fermasse al segnale.

Era però la prima volta che l'auto di Google si trovava a dover gestire la precedenza con una bicicletta a scatto fisso, mezzo che consente al suo guidatore una manovra impossibile sulle biciclette normali: quando ci si ferma su una bicicletta a scatto fisso non è indispensabile mettere un piede a terra; approfittando del fatto che il movimento dei pedali è solidale con quello della ruota posteriore, si può invece mantenere l'equilibrio restando seduti e oscillando leggermente in avanti e indietro finché non giunge il momento di ripartire.

Questa particolare manovra è proprio quella eseguita dal ciclista, ed è ciò che ha mandato in crisi l'auto di Google: eseguendola, infatti, il ciclista appariva per l'auto sempre nella posizione di chi sta pedalando, non di chi è fermo; inoltre non era mai perfettamente statico, ma per poter mantenere l'equilibrio si muoveva impercettibilmente in avanti e all'indietro.

Un guidatore umano non avrebbe avuto problemi nel capire che il ciclista, seppure seduto come se stesse pedalando, era in realtà fermo e non aveva intenzione di attraversare. Il computer invece non lo sapeva, e ciò ha dato inizio a un interessante balletto.

Sondaggio
Quando guidi in città, chi non vorresti incontrare nel traffico?
La Scuola Guida
Il neopatentato
La donna che si trucca in coda
Il manager che legge un quotidiano in coda
L'imbranata: parte in terza e si spegne il motore
L'avvoltoio dei parcheggi: continua a girare fino trovarne uno
La mamma con il SUV davanti alla scuola
L'indeciso sulla strada da prendere
Il vecchio col cappello
Il camion della nettezza urbana

Mostra i risultati (2289 voti)
Leggi i commenti (34)

«A quanto pare [l'auto] ha individuato la mia presenza» - ha scritto il ciclista nel forum - «ed è rimasta ferma per diversi secondi. Alla fine s'è decisa ad avanzare ma, mentre lo faceva, sono scivolato avanti un pochino mentre cercavo di star fermo. E l'auto s'è fermata immediatamente. Ho continuato a star fermo, e l'auto ha continuato a fare altrettanto. Poi ha cominciato a muoversi, ma a quel punto ho dovuto far oscillare la bicicletta per mantenere l'equilibrio. L'auto s'è fermata di colpo».

«Siamo andati avanti con questo balletto per due minuti buoni e l'auto non è mai riuscita a superare la metà dell'incrocio. I due tizi all'interno stavano ridendo e battendo qualcosa su un portatile».

Al di là dell'ilarità della scena e del fallimento di questo test in scenario reale, l'impressione avuta dal ciclista è buona: «Lo strano è che mi sento più sicuro se ho a che fare con un'auto che si guida da sola piuttosto che con una guidata da un essere umano»; eccedendo in sicurezza, l'auto che si guida da sola è infatti più rispettosa dei ciclisti rispetto a quelle tradizionali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Basta un adesivo per confondere i veicoli autonomi
Google Car, incidente per eccesso di prudenza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Automobilista con crick 1 - ciclista con bici 0 :D Incrocio libero, un pirla in meno. :twisted: Mauro Leggi tutto
9-9-2015 10:25

Al che il cicliste avrebbe risposto che lui si fa i CAZZI SUOI e che l'automobilista si DEVE FARE I CAZZI PROPRI, quindi l'automobilista sarebbe sceso dall'auto con il crick in mano e il ciclista sarebbe sceso dalla bici lanciandogliela contro... fino alla scazzottata finale. Vedi che è meglio la googlecar cogliona, almeno non si fa... Leggi tutto
8-9-2015 18:53

Quello citato nei post precedenti, bici "a scatto fisso" (o pignone fisso) ossia bici senza "ruota libera", i pedali insomma sono collegati rigidamente alla ruota tramite la catena. Mauro Leggi tutto
8-9-2015 09:12

Ma poi... 'ste biciclette che stanno in piedi da ferme senza mettere piede a terra... che roba sono? Mai sentite. Hanno un nome?
8-9-2015 08:20

Mai successo di trovarsi ad entrare mentre qualcuno esce da una stanza e iniziare il balletto di prego passi lei no passi lei no passi lei e tutti e due ci si incastra in contemporanea nel vano porta? :D Mauro Leggi tutto
8-9-2015 00:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5091 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics