Donna francese riceve assegno invalidità perché allergica al Wi-Fi

La notizia è reale, ma prima di utilizzarla per chiedere pensioni d'invalidità o rimozioni d'antenne è opportuno conoscere i fatti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2015]

Place WiFi Router

La notizia che una donna francese, Marine Rochard, avrebbe ottenuto dal tribunale di Tolosa un'indennità d'invalidità per la propria allergia ai campi elettromagnetici generati dagli apparati Wi-Fi a prima vista sembra dimostrare una volta per tutte che questa ipersensibilità è reale, e in questi termini ne parla per esempio Repubblica.

Ma prima di usare questa sentenza come base per chiedere rimozioni di antenne o pensioni d'invalidità è opportuno conoscere bene i fatti.

La donna ha dichiarato di soffrire di ipersensibilità elettromagnetica e che questo la costringe a vivere in un fienile in campagna, lontano dalla civiltà, "a causa delle sensazioni sgradevoli che avverte in prossimità delle radiazioni elettromagnetiche", scrive il Times. Il suo avvocato, Alice Terrasse, dice che la sentenza del tribunale stabilisce un precedente legale per migliaia di persone.

Ma l'Organizzazione Mondiale per la Sanità e la letteratura medica dicono chiaramente che l'ipersensibilità elettromagnetica non è un fenomeno fisico reale. La pagina informativa dell'OMS spiega che sono stati condotti numerosi studi nei quali persone che si dichiaravano afflitte da questa ipersensibilità sono state esposte, in condizioni controllate di laboratorio, a campi elettromagnetici simili a quelli ai quali attribuivano i propri sintomi. È risultato che queste persone non sono in grado di percepire i campi elettromagnetici più di chiunque altro e che non c'è nessuna correlazione fra sintomi denunciati e presenza di campi elettromagnetici.

Questo non vuol dire che chi dice di soffrire di ipersensibilità elettromagnetica è matto o in malafede: semplicemente è male informato, si è fatto influenzare da una credenza diffusa e da notizie come quella francese e questo lo ha portato a sbagliare nell'attribuire i propri sintomi ai campi elettromagnetici. Il rischio concreto è che questo errore distragga dalla ricerca delle vere cause di questi sintomi.

Screen Shot 2015 09 10 at 17.16.16

Secondo l'OMS, queste cause possono essere per esempio lo sfarfallio delle luci al neon, il bagliore eccessivo e prolungato degli schermi di tablet e computer, la qualità dell'aria negli ambienti e lo stress lavorativo. A queste cause concrete può aggiungersi l'ansia prodotta dal timore degli effetti nocivi dei dispositivi elettromagnetici dai quali sono inevitabilmente circondati in qualunque ambiente moderno.

Tutto questo non ha nulla a che vedere, fra l'altro, con le norme di sicurezza sulle emissioni elettromagnetiche da parte di antenne per telefonia, apparati Wi-Fi e telefonini, che stabiliscono limiti ben precisi: chi dice di essere ipersensibile avverte malesseri anche quando questi limiti vengono ampiamente rispettati. E non c'è dubbio che se un impianto supera questi limiti debba essere messo in regola.

La cosa più interessante è che spesso chi dice di essere ipersensibile ai campi elettromagnetici avverte i propri sintomi anche quando gli apparati sono spenti ma non sa che sono spenti, e viceversa non li avverte quando gli apparati sono accesi ma non sa che sono accesi. In medicina questo si chiama effetto nocebo (come descritto per esempio in questo articolo medico sui campi elettromagnetici) ed è un effetto assolutamente reale: se una persona è convinta che un cibo o un medicinale le nuocerà, il suo corpo reagirà come se avesse ingerito una sostanza realmente nociva. Tutti i dati medici indicano, insomma, che l'ipersensibilità elettromagnetica è un autoinganno in buona fede.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4006 voti)
Leggi i commenti (46)

Ma allora come mai il tribunale francese ha riconosciuto circa 680 euro (circa 750 franchi) mensili per tre anni alla signora Rochard? È semplice: il tribunale, spiega Neurologica, non ha affatto dichiarato che l'ipersensibilità elettromagnetica è una malattia reale causata dai campi elettromagnetici di Wi-Fi o antenne per telefonia mobile. Non ha certificato che i campi elettromagnetici sono nocivi anche al di sotto dei limiti di legge. Ha semplicemente dichiarato che la donna è effettivamente resa invalida dalla propria condizione, qualunque siano le sue cause (interne o esterne), e che quindi le spetta un'indennità.

Del resto, non spetta ai tribunali certificare le malattie: quello è compito dei medici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Vedo un po' di confusione. Attivissimo spiega nel testo che la tipa ha chiesto un risarcimento mentre giustamente il tribunale le ha assegnato un'idennità ovvero sei malata, la malattia è invalidante e quindi ricevi un idennità (cosi come i ciechi e tutti i disabili in generale). Il fatto che sia triennale suppongo sia perchè si vuol... Leggi tutto
30-9-2015 11:12

Nel caso citato, giudice e perito avevano partecipato poco tempo prima a una conferenza antivaccinista, trai tu le conclusioni. :twisted: Mauro Leggi tutto
25-9-2015 18:54

:lol: :lol: :lol:
16-9-2015 18:52

I cebi sono scimmie timide, non si fanno vedere granché... :lol: Leggi tutto
16-9-2015 13:15

Si lo avevo pensato, in effetti, ma così la cosa non ha un senso, se la signora ha un problema di salute inabilitante certificato e acclarato non ha diritto ad un risarcimento ma ad una pensione di invalidità che le dovrebbe essere corrisposta sino a che l'invalidità permane, ad un cieco non si eroga un risarcimento mi pare... :? In... Leggi tutto
15-9-2015 18:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (468 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics