Microsoft Send trasforma l'email in una chat

L'app che eliminati gli orpelli dalla posta elettronica adesso è disponibile anche per Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-09-2015]

microsoft send

Il successo dei programmi di messaggistica istantanea ha messo un po' in ombra la posta elettronica, spesso ritenuta antiquata ed eccessivamente formale.

Di fronte all'immediatezza di un messaggio, un'email completa di oggetto, saluto iniziale e firma lascia nell'utente una sensazione di scarsa semplicità che va eliminata per portare la posta elettronica al passo coi tempi.

Questa è almeno l'idea di Microsoft che per rendere più moderna l'email ha ideato Send, un'app per iOS e ora anche per Android (in beta) tramite la quale usare la posta elettronica diventa semplice e immediato come chattare.

Tutto ciò che è ritenuto superfluo, come per l'appunto l'oggetto e la firma, sono stati eliminati dal client: le conversazioni hanno tutto l'aspetto di quelle compiute tramite i software di messaggistica istantanea ma viaggiano attraverso i sistemi di posta elettronica e usano gli indirizzi email per venire recapitati.

Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non è mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1746 voti)
Leggi i commenti (19)

Send è disponibile per tutti quelli che hanno un account Office 365 Educational o Business, i quali potranno scaricare e utilizzare l'app da Google Play o iTunes e utilizzarla inserendo le proprie credenziali. La versione per Android richiede almeno la versione 4.2 del sistema di Google.

Dato che i messaggi inviati con Send sono in realtà delle email, è possibile comunicare anche con chi non utilizza l'app.

ms send01
ms send02

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Se potessimo decidere io e te.... Il problema è che i miei colleghi e molti miei clienti usano tutti outlook
2-10-2015 08:40

Caro vac, non è che copiano la possibilità del nuovo Thunderbird di chattare, dato che Outloock non lo usa più nessuno (salvo gli utonti o i PC bloccati?) :roll: :lol: Nota: Anche Seamonkey (anche adesso) e Mozilla Suite, Netscape Navigator aveva la chat! Nota: Sulla base Mozilla hanno fatto proprio una chat supersicura[/url] e ... Leggi tutto
1-10-2015 17:27

Per la prima volta nella mia vita difendo M$: Con questo sistema chi vuole usare un client "castrato" lo può fare, e io posso continuare ad usare Thunderbird e comunque partecipare alla discussione. => MOooolto megli di WhatHapp. (Naturalmente lo fanno solo perché hanno perso il treno delle chat e dei cellulari mentre sono... Leggi tutto
28-9-2015 22:46

:shock: Esisteva un componente aggiuntivo di Thunderird che faceva L'IDENTICA cosa!!! Adesso non lo trovo più, ma permetteva grazie ad una interfaccia di chattare (proprio una interfaccia di chat) e poi ti ritrovavi in una cartella email tutto i "discorsi" dato che erano vere email. Adesso mi domando se il progettista è... Leggi tutto
28-9-2015 15:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1545 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics