Il Ministero della Difesa sceglie LibreOffice

Oltre 150.000 PC adotteranno la suite open source per la produttività.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-09-2015]

difesa libreoffice

Sin dal 2012, con il Decreto Legge n. 83, l'Italia ha espresso la propria preferenza per l'open source.

Da allora la Pubblica Amministrazione, quando si tratta di prendere decisioni che riguardano il sistema informatico, deve innanzitutto considerare le soluzioni offerte dai software a sorgente aperto e soltanto qualora sia impossibile ricorrervi (per motivi tecnici o economici) potrà scegliere alternative proprietarie.

Ora l'associazione LibreItalia, nata per promuovere l'utilizzo della suite open source LibreOffice, annuncia che il Ministero della Difesa ha firmato un accordo per l'adozione proprio di LibreOffice, di cui è da poco uscita la versione 5.

LibreItalia assisterà il Ministero nel processo di adozione della suite, operazione che prevede anche la realizzazione di contenuti didattici per dei corsi di formazione online su LibreOffice che saranno poi rilasciati sotto licenza Creative Commons.

Il passaggio dalle soluzioni proprietarie al software libero, che coinvolge oltre 150.000 PC ed è la seconda maggior transizione a livello europeo, inizierà nel prossimo mese di ottobre e la sua conclusione è prevista per la fine del 2016.

Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (894 voti)
Leggi i commenti (2)

Da segnalare, come ricorda LibreItalia, che la Difesa è «la prima pubblica amministrazione a livello centrale che si accinge a migrare al software open source per la produttività», mentre in questi tre anni trascorsi dal Decreto qualcosa s'è già mosso a livello di amministrazioni locali (Regioni, Province e Comuni).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

i 150000 pc rimangono cambia solo il software. Perchè cosa se ne è fatto lo stato italiano di migliaia di licenza di windows xp e office 2003 ora obsolete??
27-9-2015 21:21

{Sonic}
Nessuno si chiede cosa se ne fa un ministero italiano di 150.000 PC? Con relative licenze, finora M$? Comperati e mantenuti con i nostri soldi? Caro Gladiator, sembra sì l'italia, quella peggiore, quella che ha impoverito gli italiani, cioè quella pubblica.
20-9-2015 19:21

{Dario}
"(per motivi tecnici o economici)". ?!? I motivi tecnici li posso capire: mafia capitale insegna. Ma quelli economici? Questo è veramente oltre qaulunque logica, anche la più truffaldina, delle amministrazioni italiane.
19-9-2015 16:31

Questa è una bella notizia... non sembra neanche Italia...
19-9-2015 14:30

{Luxiter}
Altra ottima notizia ma voglio precisare che il ministero della salute è stato il primo ad adottare libreoffice e la migrazione finirà a breve al massimo i primi mesi del 2016 comprese tutte le sedi periferiche
19-9-2015 08:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' buona l'acqua del rubinetto?
Sì. La bevo quasi sempre.
No. Di solito bevo acqua in bottiglia.
Sì, ma di solito bevo acqua in bottiglia.

Mostra i risultati (6211 voti)
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 ottobre


web metrics