L'asteroide WT1190F era un veicolo spaziale?

Probabilmente sì, comunque niente panico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-11-2015]

fig01

Da alcune settimane si parla in Rete dell'asteroide WT1190F, del suo nome un po' comico (che richiama il popolare acronimo WTF) e soprattutto del fatto che gli esperti dicono che non è un sasso cosmico ma è un oggetto artificiale. Stando ai calcoli, dovrebbe aver colpito l'atmosfera terrestre venerdì scorso, intorno alle 6:20 UTC (le 7:20 in Europa centrale), disintegrandosi senza pericolo significativo a sud dello Sri Lanka.

La traiettoria dell'oggetto è stata ricostruita con precisione e sappiamo che orbitava intorno alla Terra lungo un'orbita che lo portava oltre la Luna. Dalla sua luminosità, che varia periodicamente, sappiamo anche che è piccolo (qualche metro di diametro) e ruota su se stesso ogni due ore e mezza circa. Cosa più interessante, sappiamo si tratta di un oggetto artificiale perché ha una densità media molto bassa, come se si trattasse di un oggetto cavo, e il suo colore è molto chiaro, tipico dei relitti spaziali (gli asteroidi naturali sono normalmente molto scuri).

Questi dati hanno fatto pensare che si tratti di un detrito spaziale di qualche missione lunare, e ad alcuni ricercatori è venuto in mente un "detrito" molto particolare: la cabina del Modulo Lunare della missione Apollo 10, che a maggio del 1969 fece una prova generale dell'allunaggio. Dopo l'uso, la cabina (più precisamente, lo stadio di risalita o ascent stage) del Modulo Lunare fu abbandonata nello spazio e se ne persero le tracce. L'ipotesi è intrigante, ma non è affatto certa come titolano alcuni giornali: ci sono molti altri possibili relitti spaziali candidati.

Sondaggio
Trovata l'acqua su Marte. E la vita? Secondo te su Marte...
C' stata vita, sotto forma di batteri.
C' stata vita intelligente.
C' vita, ma solo unicellulare.
Non c' mai stata alcuna forma di vita.
Ci sono impianti e costruzioni aliene.
Nessuna delle risposte precedenti corretta.

Mostra i risultati (4322 voti)
Leggi i commenti (31)

Per quanto riguarda l'origine del suo nome, l'Agenzia Spaziale Europea spiega bene, tramite un articolo dello scopritore dell'oggetto, Eric Christensen, che non c'era alcun intento comico di rispecchiare nella sigla le perplessità degli scienziati sulla natura dell'oggetto: semplicemente, la W è la lettera progressiva che indica l'anno di scoperta (il 2015), la T indica la metà del mese di scoperta (le prime due settimane o le seconde due del mese di calendario), la cifra 1 identifica l'osservatorio che ha individuato l'oggetto, e i quattro caratteri successivi sono un contatore progressivo esadecimale. Il risultato è che quest'asteroide non è stato il solo ad avere un identificativo che richiama il classico WTF.

Aspettiamo qualche ora e vediamo se ci sono state osservazioni. Qui c'è un mini-blog (in tedesco) che segue uno dei voli osservativi appositi, citati anche da Nature.

Aggiornamento

Un avvistamento dal Regno Unito, pubblicato da Peter Birtwhistle e realizzato 44 minuti prima dell'impatto, mostra molto bene la variazione periodica di luminosità che indica una rapida rotazione dell'oggetto.

WT1190F 20151113 053428 20 2x2 1A

Qualche immagine del rientro è pubblicata in questo video.

Fonti aggiuntive: ASI, Slate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano pi intelligenti (o pi prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo pi dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2377 voti)
Febbraio 2024
Il caso delle telecamere di sicurezza che lasciano sbirciare nelle case altrui
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 febbraio


web metrics