Kodi vuole smarcarsi dai pirati

Il popolare media center minaccia azioni legali contro chi lo associ ai contenuti piratati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-02-2016]

Kodi pirati

Nato come Xbox Media Center, Kodi ha negli anni guadagnato una base di fan sempre più ampia e dalla console di Microsoft si è allargato, conquistando PC, Smart Tv, tablet e smartphone.

L'essenza di Kodi è quella di un media player: è nato infatti per riprodurre file multimediali e, grazie alla facilità con cui lo si può installare ed eseguire, lo si trova ormai su una gran varietà di dispositivi.

Kodi ha un problema: tutti, o quasi, lo associano alla pirateria. La sua stessa struttura estensibile, che permette di aggiungervi funzionalità scrivendo dei plugin, è stata la sua rovina.

Molti, infatti, su suggerimento di amici che a loro volta hanno avuto la notizia da altri amici di amici, installano Kodi e tutta una serie di plugin "consigliati".

Tali plugin finiscono con l'essere consigliati perché permettono di accedere a una vasta libreria di contenuti visibili in streaming ma senza pagare la licenza: in altre parole, sono illegali perché violano il diritto d'autore.

Gli utenti però non ci fanno molto caso e soprattutto non fanno caso al fatto che non è Kodi in sé a permettere di vedere contenuti pirata, ma sono le estensioni di terze parti a farlo. Tale distinzione è troppo sottile, e così l'equazione "Kodi = pirateria" ha acquisito popolarità.

La popolarità è tale, in effetti, che molti pubblicizzano i propri prodotti - media player, set top box e via dicendo - sbandierando ai quattro venti il fatto che Kodi è già preinstallato e che grazie a esso si possono vedere film e serie televisive gratis (senza specificare che ciò è illegale e avviene grazie a dei plugin).

Per gli sviluppatori di Kodi, tutto ciò è un enorme problema. Innanzitutto, perché non passa giorno senza che sulla pagina Facebook ufficiale o sui forum qualcuno ponga loro domande relative ai contenuti pirata che riesce a vedere gratis grazie al loro software (così pensa), oppure che si lamenta perché non riesce più a vedere in streaming la propria serie Tv preferita e dà la colpa a Kodi, non sapendo di dover indirizzare il proprio risentimento verso un plugin non solo pirata ma anche scritto male.

Sondaggio
Telecom Italia ha scelto il marchio TIM per tutta la sua offerta commerciale di telefonia fissa, mobile e Internet, cambiando il logo. Cosa pensi del nuovo logo? Scegli un'opzione tra le seguenti e commenta nel forum.
Mi piace.
Non mi piace.
Preferivo il precedente.
Non mi interessa.
Sempre di pi¨ si dÓ troppa importanza all'immagine e poca alla sostanza.

Mostra i risultati (2053 voti)
Leggi i commenti (9)

Gli sviluppatori sono preoccupati anche perché da un lato c'è tanta gente che approfitta di questa falsa associazione tra Kodi e la pirateria per vendere i propri prodotti, e dall'altro perché stando così le cose qualche avvocato di qualche major potrebbe decidere di non andar troppo per il sottile e trascinarli in tribunale.

Così hanno preso una decisione radicale. La XBMC Foundation, proprietaria del marchio registrato Kodi, ha annunciato che perseguirà legalmente quanti utilizzino quel marchio senza permesso.

«Ciò significa» - spiega Nathan Betzen, Product Manager di Kodi - «che invieremo richieste di rimozione del marchio ogni volta che riterremo che ci sia un'alta possibilità di confusione. Se vendete un set top box attraverso un sito progettato per far credere agli utenti che dei plugin malfunzionanti siano stati fatti da noi e che funzionino perfettamente, così da guadagnare qualche soldo, faremo tutto ciò che potremo per fermarvi».

«Oppure» - prosegue Betzen - «se fate un video in cui asserite di essere uno sviluppatore di Kodi o un membro del team Kodi o se anche solo usate il nome di Kodi assicurando agli utenti che qualche plugin pirata è completamente legale e che non smetterà di funzionare la prossima settimana, noi faremo tutto ciò che potremo per farvi smettere».

Il team degli sviluppatori di Kodi non ha problemi a lasciar fare agli utenti ciò che vogliono col software. Dopotutto, come spiega ancora Betzen, Kodi è open source, e ognuno può usarlo come crede: anche per vedere materiale pirata. Ciò che non si può fare è associare queste attività al team.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Arrestato per aver venduto set-top box con Kodi
UE: i set-top box con Kodi sono illegali
Brein: ''Vietati nell'UE i set top box pirata con Kodi''
Torrent su tablet o smartphone? Facile con Streamza

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1621 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics