Microsoft si allea con Apple sull'iPhone del terrorista



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-03-2016]

Apple Microsoft1

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Perché Apple va contro l'FBI sull'anti terrorismo?

Nella questione della richiesta dell'FBI ad Apple di sbloccare il telefonino appartenuto a uno dei terroristi della strage di San Bernardino, in California, è entrato un nome che conta: Microsoft. Cosa più unica che rara, Microsoft si è schierata con Apple e contro l'FBI, e lo ha fatto con le parole di Brad Smith, President e Chief Legal Officer dell'azienda, che annunciano il deposito di una memoria legale in favore di Apple.

La memoria è sottoscritta non solo da Microsoft ma anche da molti altri nomi importantissimi dell'economia digitale: Amazon, Box, Cisco, Dropbox, Evernote, Facebook, Google, Mozilla, Nest Labs, Pinterest, Slack, Snapchat, WhatsApp e Yahoo. Tutti contrari alla richiesta dell'FBI.

In sintesi, spiega la memoria, secondo queste aziende "l'ordine del governo ad Apple supera i limiti delle leggi esistenti e, se applicato più estesamente, sarà dannoso per la sicurezza degli americani a lungo termine". Questi grandi nomi collaborano regolarmente con le forze dell'ordine e molti "hanno squadre di dipendenti a tempo pieno... dedicate a rispondere alle richieste di dati dei clienti da parte delle forze di polizia". Nessun desiderio di fiancheggiare criminali o terroristi: non c'è alcun "interesse a proteggere coloro che violano la legge. Ma [queste aziende] respingono l'affermazione infondata del governo secondo la quale la legge consentirebbe al governo stesso di requisire e comandare i tecnici di un'azienda per minare le funzioni di sicurezza dei loro prodotti".

Spiega Brad Smith nell'annuncio: "L'ordine del tribunale a sostegno della richiesta dell'FBI cita l'All Writs Act, che è entrato in vigore nel 1789 ed è stato emendato in modo significativo per l'ultima volta nel 1911. Riteniamo che le questioni sollevate dal caso Apple siano troppo importanti per affidarle a una normativa ristretta risalente a un'altra era tecnologica per colmare quella che il governo ritiene sia una lacuna delle leggi attuali. Dovremmo invece rivolgerci al Congresso per trovare l'equilibrio necessario per la tecnologia del ventunesimo secolo... Se vogliamo proteggere la privacy personale e mantenere la sicurezza delle persone, la tecnologia del ventunesimo secolo va governata con leggi del ventunesimo secolo".

Dopo aver citato il rispetto per il lavoro delle forze dell'ordine e le collaborazioni di Microsoft con gli inquirenti, Smith esprime un altro concetto fondamentale: "la gente non userà tecnologie di cui non si fida". In altre parole, obbligare Apple (e poi, inevitabilmente, Microsoft e gli altri) a indebolire la sicurezza del proprio software non aiuterà gli inquirenti: i criminali e i terroristi non faranno altro che rivolgersi ad altri fornitori di hardware e software meno insicuri. Inoltre: "...la cifratura forte ha un ruolo vitale nel creare fiducia. Aiuta a proteggere le informazioni personali e i dati proprietari aziendali sensibili contro hacker, ladri e criminali, e non dovremmo creare delle backdoor tecnologiche che minino queste protezioni. Farlo ci esporrebbe tutti a rischi maggiori.... prendendo le difese di Apple, prendiamo le difese dei clienti che contano su di noi per tenere sicure e protette le proprie informazioni più private."

Più chiaro di così non si può. Ma la vicenda ha anche un altro aspetto profondamente interessante: le crescenti richieste governative di accesso ai dati digitali dei sospettati custoditi dalle aziende nei cloud stanno trasformando il modo in cui queste aziende vedono i dati dei clienti. Se finora hanno pensato che questi dati potessero essere una miniera d'oro da analizzare e rivendere (Google e Facebook basano su questo i propri imperi economici), ora stanno cominciando a rendersi conto che avere accesso alle informazioni private dei clienti non è una risorsa, ma un onere. Un onere che espone colossi come Apple a richieste governative che possono devastarne il modello commerciale.

Sondaggio
Se ti fosse data l'occasione di andare a cena con uno di questi personaggi, chi sceglieresti?
Steve Jobs, fondatore di Apple
Bill Gates, fondatore di Microsoft
Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del movimento del software libero
Sergey Brin o Larry Page, fondatori di Google
Tim Berners Lee, ideatore del world wide web
Vorrei suggerire un altro nome (nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (3521 voti)
Leggi i commenti (30)

Nella questione è entrato anche Edward Snowden, con la sua solita brillante e concisa analisi su Twitter: "Se oltre all'utente c'è qualcun altro che può entrare, non è sicuro. L'accessibilità da parte del fabbricante è una vulnerabilità." Per fare un paragone con situazioni più familiari, lo scenario che il governo americano sta cercando di far accettare è l'equivalente di una legge che obbliga i costruttori di case a custodire una copia delle chiavi d'ingresso di ogni casa che costruiscono. Il risultato è che i dipendenti infedeli dei costruttori possono abusare di queste chiavi e quelli fedeli sono soggetti all'interesse di criminali che, di fronte alla possibilità di razziare le case impunemente, non esiterebbero a ricorrere a corruzione e ricatti di quei dipendenti.

Ed è per questo che Apple e altri grandi nomi dell'informatica si stanno evolvendo verso una custodia dei dati dei clienti nella quale soltanto il cliente è in grado di decifrare i propri dati. Non per proteggere i criminali, ma per proteggere gli onesti.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (5)

Chissà perché mafiosi e delinquenti vari ( e veri) utilizzano pizzini, telefoni usa e getta, e probabilmente piccioni viaggiatori.... Non voglio discutere se sia o meno giusto che la magistratura (non uno qualsiasi) possa intercettare, e a mio avviso quasi sicuramente lo è. Ma se la polizia arriva con un mandato di perquisizione,... Leggi tutto
10-3-2016 22:45

{gulp}
Ma Bill Gates non si era schierato a favore della FBI?!
9-3-2016 15:38

{gulp}
Ma Bill Gates non si era schierato a favore della NSA?!
9-3-2016 15:37

Minkia, 'sta cosa mi sta sconvolgendo assai assai... Adesso m'ha proprio rotto li cojoni... Ma che davero davero qualcuno è così fesso da credere a tutti e tre gli squali?!? Cioè, devo ritenere possibile che qualcuno sia così ingenuo da fare distinzione tra APPLE, MICROSOFT, FBI, NSA, CIA, etc.?! Achtung! Non sia cortesemente inteso... Leggi tutto
9-3-2016 01:48

allora, per dirla tutta: il timore è quello di veder patire la vacca grassa dei dati sensibili da rivendere, e non la difesa dell'ordine costituzionale. Certo, che se i servizi USA avessero fatto richiesta di acquistare i dati... :twisted:
8-3-2016 11:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il risultato corretto di 6/2(1+2) ?
1
9

Mostra i risultati (3526 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics