Come far dire a un politico tutto quello che volete

Con Face2Face è possibile impersonare qualsiasi celebrità in modo assolutamente convincente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2017]

face2face

C'è stato un tempo in cui prima una foto e poi un video potevano essere ritenuti una prova ragionevolmente sicura del fatto che ciò che era stato ripreso era davvero avvenuto.

Poi sono arrivati, già molto prima di Photoshop, il ritocco fotografico e quello video, e non è stato più possibile attribuire veridicità automatica a ciò che era stato catturato su pellicola o in digitale.

Grazie al lavoro di alcuni ricercatori americani e tedeschi ora è stato raggiunto un nuovo livello nella creazione di video fake praticamente perfetti: in uno studio hanno descritto un software, da loro realizzato, che è in grado di manipolare il volto di qualsiasi celebrità per farle dire praticamente tutto ciò che si vuole.

Il software è stato battezzato Face2Face e il suo funzionamento è concettualmente semplice, anche se naturalmente la strada per arrivare a realizzarlo è stata complessa.

Il software è in grado di sovrapporre al volto di un attore quello di una qualsiasi persona famosa, fondendo i due volti in modo che il politico o la celebrità di turno stia davvero pronunciando le parole che in realtà è l'attore a pronunciare.

Il sistema è tanto raffinato da occuparsi di sostituire in maniera convincente non solo i tratti del volto ma persino l'interno della bocca, così che l'inganno sia pressoché impossibile da notare.

Sondaggio
In che modo installi nuove applicazioni sul computer?
Clicco su «Avanti-Avanti-Accetto-avanti...» quasi senza leggere
Leggo attentamente tutti le avvertenze e modifico le impostazioni se necessario
Di solito non installo applicazioni per conto mio

Mostra i risultati (1274 voti)
Leggi i commenti (15)

Ogni espressione, ogni movimento del volto dell'attore viene applicato sul viso del "bersaglio", che sembra quindi compiere quei movimenti e assumere quelle espressioni.

Il software non riesce a riprodurre un audio credibile, per cui se ci si vuol far passare per George W. Bush, per Vladimir Putin o per Donald Trump (come hanno fatto i ricercatori nella dimostrazione che riportiamo più sotto) occorre quantomeno trovare attori il cui timbro vocale sia simile a quello degli originali.

Ma è solo questione di tempo prima che anche quest'ultima difficoltà venga superata: i ricercatori stanno lavorando a un sistema che consenta di prelevare le parole giuste dai discorsi pubblici delle persone bersaglio per poterne trarre il tono da sintetizzare e rendere la copia convincente anche dal punto di vista della voce. L'articolo continua dopo il video.

Per quanto riguarda le possibili applicazioni di questa tecnologia, al di là delle possibili frodi, i ricercatori suggeriscono alcuni usi possibili.

Per esempio, Face2Face potrebbe essere utile nel caso di videoconferenze tra persone che usano lingue diverse: le immagini potrebbero venir alterate in tempo reale per simulare il fatto che l'interlocutore stia parlando nella lingua nativa di chi ascolta.

Oppure si potrebbe utilizzare il software per mascherare il proprio aspetto durante una videoconferenza: sarebbe così possibile partecipare mentre ci si trova in pigiama seduti sulla poltrona del salotto di casa, ma gli altri vedrebbero una persona elegantemente vestita in un bell'ufficio.

Ancora, si potrebbero "riportare in vita" attori del passato in maniera ancora più convincente di quanto già ora si faccia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Antibufala: Kubrick ha videoconfessato di aver falsificato lo sbarco sulla Luna!
Apre il Falseum, il museo tutto italiano del falso e delle bufale
Foto ricordo ad ''aushwiz'', ma è un fake
Burla sulla data di Ritorno al Futuro

Commenti all'articolo (2)

Allora siamo proprio a posto... :roll:
3-6-2017 16:53

{Giulgiulio}
" Il software non riesce a riprodurre un audio credibile" Nessun problema, c'è Lyrebird: link E più nessuna certezza avremo, nessuna al mondo.
19-5-2017 09:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2266 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics