Compromessi 642 milioni di account Myspace, Tumblr e Fling

I dati sono già in vendita nel dark web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2016]

642 milioni account compromessi

I 117 milioni di account LinkedIn violati di cui abbiamo parlato non molti giorni fa sembrano poca cosa in confronto ai 642 milioni di account complessi-
vamente compromessi tra MySpace, Tumblr e Fling.

I dati relativi a questi account sono stati messi in vendita nel dark web da peace_of_mind, lo stesso hacker che ha pubblicato quelli degli utenti di LinkedIn e, come in quel caso, non si tratta di informazioni ottenute di recente.

Le credenziali rubate a Fling sono infatti state sottratte nel 2011, quelle di Tumblr nel 2013 e quelle di MySpace in un anno imprecisato ma compreso tra il 2007 e il 2012, come segnala il gestore del sito Have I Been Pwned?.

Il servizio più colpito è MySpace, cui fanno capo 360 milioni di account: per loro, Peace chiede 6 Bitcoin, equivalenti a circa 2.500 euro.

Come fa notare il ricercatore Troy Hunt, tutta questa situazione ha qualcosa di sospetto. I dati di milioni di account, sottratti anni fa, emergono nello spazio di poche settimane: viene da chiedersi se gli attacchi non siano legati in qualche modo.

Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti più disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla società di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (1201 voti)
Leggi i commenti (8)

Anche le dimensioni di queste violazioni sono interessanti: contando anche quella di LinkedIn, si tratta di quattro eventi che sono entrati nella Top 5 di Have I Been Pwned? e costituiscono due terzi dei dati presenti nel sito.

Per gli utenti che vogliano proteggersi o che temano che i loro account siano stati compromessi, le raccomandazioni sono sempre le solite: usare strumenti come il già citato Have I Been Pwned? per verificare la propria posizione, non utilizzare le medesime credenziali su più siti, non scegliere password banali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Strano comunque che saltino fuori ora e che vengano messi in vendita - ad un prezzo tutto sommato ridicolo - tutti questi dati che sono comunque piuttosto datatati. Non che pensi che coloro che sono stati colpiti da questi furti siano già tutti corsi ai ripari cambiando credenziali d'accesso a questi siti e/o credenziali analoghe... Leggi tutto
5-6-2016 18:51

... e ben gli sta, a tutti 'sti balumba fanc******i, che stanno sui social perché sono così soli e mentalmente isolati da doversi sprofondare nell'anominato pullulante; che poi è la cacca dei bovidi del web. :x
5-6-2016 07:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2299 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 luglio


web metrics