Ti insegno l'economia circolare: come si ricicla e si riducono gli sprechi

Nuovi strumenti tecnologici a disposizione di multinazionali USA per fare quello che in Italia facciamo da sempre: riutilizzare gli scarti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-07-2016]

Circular economy

Il libro di Peter Lacy, Jakob Rutqvist e Beatrice Lamonica "Circular Economy. Dallo spreco al valore", edito da Egea, (300 pp, 35 euro) è stato presentato alla Bocconi come fosse una rivelazione. Secondo Lacy, nuove salvifiche tecnologie digitali offrirebbero ottime possibilità di guadagno passando alla circular economy.

Niente di nuovo, ma, sembrerebbe che la digitalizzazione delle informazioni abbia permesso di abbattere barriere all'applicazione su larga scala di riuso e riciclo, rappresentate da costi informativi, dal costo della manodopera e dagli ostacoli alla collaborazione. Grazie al digitale si starebbe sviluppando un promettente rilancio industriale basato sulla razionalizzazione delle risorse. Oggi, le crescenti preoccupazioni per l'esaurimento delle risorse, e la ripresa del prezzo del petrolio hanno fatto scoprire pure alla categoria degli economisti il concetto di economia circolare.

La domanda che tutti gli operatori nel campo dei rifiuti si pongono è "E noi che di riciclo ci siamo sempre occupati, che siamo, acqua fresca?" In effetti è quantomeno curioso che queste lezioni provengano dal sistema produttivo USA, tradizionalmente crapulone e sprecone in virtù dell'abbondanza di materie prime che lo ha sempre caratterizzato. E l'operato di migliaia di aziende, piccole e grandi, in Europa, soprattutto in Italia, passa sotto silenzio.

In realtà il concetto di economia circolare è ben lungi dall'essere applicabile al nostro sistema industriale: la definizione di sistema economico circolare parla di un apparato progettato per potersi rigenerare da solo. Per cui dovrebbe essere possibile reintegrare i flussi di materiali, cosa attualmente non possibile, basti pensare solo agli 80 milioni di barili di petrolio estratti ogni giorno, per non parlare di carbone, gas naturale, e tutte le risorse minerarie in genere. Questi flussi si dirigono, in un solo verso, dal giacimento al consumo, senza possibilità di reintegro.

Quello che possiamo fare oggi è fare in modo di riutilizzare quante più risorse derivanti da riuso, riciclo e recupero. E in questo tipo di economia gli USA sono molto indietro rispetto a noi. Non è un caso che negli articoli riguardanti il libro e nella presentazione all'università Bocconi, non si sia mai sentito il termine "filiera".

Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (907 voti)
Leggi i commenti (7)

Filiera è il termine che spiega i motivi della nostra efficienza e del disinteresse delle aziende USA, almeno fino a oggi. L'economia statunitense è formata da colossi, specializzati nel creare profitti utilizzando materie prime a basso costo. In Italia, la struttura industriale è molto più dispersa. Un fattore di non competitività, certo, ma anche una capacità strutturale di adattarsi a condizioni più difficili, come la scarsità di materie prime che ha sempre caratterizzato molte di queste economie, in primis la nostra.

Se osserviamo per esempio alcuni settori del riciclo, come il vetro, notiamo due situazioni opposte in USA, dove c'è grossa crisi, e in Italia, dove c'è crescita e salute. E questo al netto di sovvenzioni pubbliche, che sono presenti in entrambe le realtà. Il riciclo del vetro USA risente proprio dell'assenza di una filiera composta da operatori diversi per le diverse operazioni, come la frantumazione, la fusione, il trasporto, etc.

Purtroppo, come sempre è la scarsità che stimola l'eccellenza, non la tecnologia. E una prova è il fatto che gli stati USA del sud che stanno affrontando un'annosa siccità straordinaria sono oggi all'avanguardia nell'uso razionale dell'acqua: come riportato in questo e in questo articolo.

L'estensione della vita del prodotto, la lunga durata dei beni, il ricondizionamento e la riduzione dei rifiuti sono concetti da sempre esistenti nel nostro sistema industriale, e le nuove tecnologie, siamo certi, saranno utilizzate dalle nostre aziende in modo molto più efficace di quanto non sapranno fare i colossi USA.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La macchina di Anticitera
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Il robot che ricicla 200 iPhone all'ora per estrarne oro, argento e platino

Commenti all'articolo (2)

Certo che se questi vedono il riciclo come grande novitÓ per il reperimento di materie prime mi pare proprio che vivano su un altro mondo... e non parlo degli autori americani del libro che, in effetti, vivono proprio su un altro mondo ma dei grandi geni della Bocconi che, almeno fino a prova contraria, vivono in Italia e delle varie... Leggi tutto
24-7-2016 18:38

{ice}
se con la diffusione delle fonti rinnovabili (quelle vere) riuscissimo ad eliminare l'utilizzo di petrolio, gas e carbon fossile per la produzione di energia, l'autotrazione e il riscaldamento....limitandone l'uso alla produzione di plastica e polimeri....in gran parte riciclabili.... Le teconolgie ci sono è piu una... Leggi tutto
20-7-2016 10:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque pu˛ vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (979 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 dicembre


web metrics