Google si inchina al Garante per la privacy

Entrano in vigore le nuove politiche di profilazione e conservazione dei dati, per proteggere gli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2016]

google garante privacy

Due anni fa, il Garante per la privacy aveva intimato a Google di cambiare il modo in cui vengono trattati i dati degli utenti.

Per esempio, il Garante chiedeva a Google di non adoperare più le informazioni raccolte per la profilazione degli utenti senza prima aver ottenuto il loro consenso, nonché di chiarire che tutta questa attività ha fine commerciali.

Ora finalmente il gigante di Mountain View ha deciso di adeguarsi: lo annuncia lo stesso Garante con un comunicato sul sito ufficiale.

I punti fondamentali cui Google ha accettato di adeguarsi sono quattro.

Il primo riguarda l'obbligo di informare gli utenti sul trattamento dei loro dati: le informazioni messe a disposizione ora sono «più numerose e messe a disposizione in maniera più agevole».

Inoltre l'informativa ora entra nel dettaglio circa le finalità per le quali i dati vengono raccolti, e sono stati messi a disposizione dei moduli tramite i quali gli utenti possono variare le proprie preferenze.

Il secondo è il già citato consenso che l'azienda deve obbligatoriamente richiedere agli utenti prima di poterne utilizzare i dati. Ciò vale sia per gli utenti autenticati che quelli non autenticati.

«È stato utilizzato un meccanismo che impone all'utente di effettuare necessariamente una scelta prevedendo, tramite la presentazione di un banner, la richiesta di consenso ripetuta per tre volte nell'arco di due mesi, fino a impedire l'accesso ai servizi finché la scelta non venga effettuata» scrive il Garante.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1903 voti)
Leggi i commenti (6)

Terzo punto è la possibilità di modificare le impostazioni relative alla «raccolta dei dati per la cronologia delle ricerche e delle localizzazioni o per l'attività vocale e audio», agendo anche singolarmente sui singoli servizi.

Per esempio, un utente potrebbe decidere in un secondo tempo di variare il consenso dato inizialmente, e lasciarlo in essere per quanto riguarda la cronologia delle ricerche ma revocarlo per quanto riguarda la localizzazione.

Infine c'è il punto legato ai limiti massimi di conservazione dei dati degli utenti.

«Google rende inaccessibili i dati dell'utente autenticato 24 ore dopo la richiesta dell'interessato e li cancella entro 2 mesi, se i dati sono su sistemi attivi, o entro 6 mesi, se sono archiviati su sistemi di backup» spiega il Garante.

Fanno eccezione i cookie, che Google per ora conserva per 18 mesi: il Garante si riserva di fare ulteriori indagini per «verificare se possano essere individuati tempi di conservazione diversificati in base al maggiore o minore potere identificativo dei cookie».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Garante striglia Google: più tutele per la privacy
Il Garante privacy contro i cookie
Google cambi le regole sulla privacy
Privacy, i Garanti europei contro Google

Commenti all'articolo (2)

Ovviamente, non essendoci alcuna sanzione pendente ed avendo google 18 mesi di tempo per adeguarsi non c'è da stupirsi se siano in realtà passati quasi 24 mesi prima dell'adeguamento. Resta comunque il fatto che tale adeguamento pare sia stato richiesto solo a Google e non a tutti gli altri soggetti che profilano in maniera anche più... Leggi tutto
10-8-2016 14:44

come dire: chiudere la porta della stalla quando i buoi... si sono ormai abituati a star dentro. In attesa di passre nel tritacarme. :cry:
31-7-2016 00:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2532 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics