Raggi cosmici, astronauti più colpiti da malattie cardiovascolari

Gli astronauti del programma Apollo soggetti ad attacchi di cuore 4 o 5 volte più degli altri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2016]

apollo astronauti malattie cardiovascolari

I raggi cosmici, sfortunatamente, non creano supereroi. Anzi, mettono a dura prova gli astronauti, aumentando il rischio che sviluppino malattie cardiovascolari.

Ad affermarlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports, secondo il quale «I dati suggeriscono che il viaggio umano nello spazio profondo può essere più pericoloso per la salute cardiovascolare di quanto si pensasse finora».

I ricercatori hanno preso in considerazione 77 astronauti, scoprendo che l'esposizione alle radiazioni ionizzanti che si incontrano nello spazio, quando non si è più protetti dallo scudo magnetico terrestre, paiono aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache di quattro o cinque volte.

Lo studio ha confrontato lo stato di salute dei 42 astronauti che si sono avventurati nello spazio (sette dei quali sono usciti dalla magnetosfera e sono arrivati sulla Luna) con quello dei 35 colleghi che sono invece rimasti a terra.

Tra gli astronauti delle missioni lunari Apollo il tasso di morte per malattie cardiovascolari è pari al 43%, mentre tra gli astronauti rimasti a terra è del 9% e tra gli astronauti rimasti in orbita bassa è dell'11%.

Degli ulteriori studi sui topi hanno confermato l'ipotesi: a incidere sulla salute del sistema vascolare sono le radiazioni ionizzanti e non altre cause, come l'assenza di peso.

Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (1076 voti)
Leggi i commenti (5)

I ricercatori hanno infatti mostrato che le radiazioni ionizzanti danneggiano i vasi sanguigni dei topi, causando problemi alla vasodilatazione; invece i topi per i quali è stata simulata l'assenza di peso non hanno avuto effetti collaterali.

Gli autori stessi dello studio ammettono che i dati sui quali si sono dovuti basare sono limitati: dopotutto, gli astronauti sono ancora troppo pochi per poter fare uno studio epidemiologico completo.

In linea di principio, quindi, non si possono escludere altre cause per l'aumento della possibilità di essere colpiti da malattie cardiovascolari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Antibufala: suoni segreti captati dagli astronauti lunari?
Antibufala: la foto delle ''tre albe'' sulla Luna, sulla Terra e su Marte
Antibufala: alieni avvistati dalla Stazione Spaziale
Record italiano di permanenza ininterrotta nello spazio

Commenti all'articolo (1)

Certamente il campione è piuttosto esiguo per trarre conclusioni definitive. In ogni caso il problema di proteggere gli astronauti dalle radiazioni ionizzanti è uno dei principali aspetti da considerare nell'esplorazione spaziale profonda anche per altre ragioni legate alla salute degli stessi.
10-8-2016 14:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1543 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics