In prova: Nuance Dragon Professional 14

IL TEST DI ZEUS - Abbiamo provato la versione Professional Individual.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-11-2016]

dragonprouser

Dragon presenta la nuova versione del suo software di punta, noto in precedenza come Dragon Naturally Speaking: in questa edizione semplifica il suo nome in Dragon 14.

Abbiamo provato la versione Professional Individual, prevedendo che abbini le migliori prestazioni con le esigenze più comuni e diffuse, quelle di chi utilizza questo software per uso personale, ancorché ai massimi livelli di efficienza. Ricordiamo infatti che esiste una versione parallela, più costosa, che consente di gestire parallelamente profili in forma condivisa.

Detto questo è opportuno fare alcune precisazioni, ricorrendo anche a fatti accaduti durante l'evoluzione del prodotto. Dragon è ormai l'unico software di ricognizione vocale di un certo livello esistente sul mercato. Perfino Microsoft 10, in alcune sue versioni, ha tentato la strada del riconoscimento vocale (speech recognition) ma certo non raggiunge quella di questo prodotto, neppure nella sua versione di base.

Fino a qualche anno fa Dragon aveva tre temibili concorrenti: il software di Philips, molto articolato, ma vissuto solo lo spazio di un'edizione, e Via Voice di IBM, che entrò a far parte del mondo Dragon quando Big Blue decise di abbandonarlo. Anche quest'ultimo di recente è completamente sparito dal mercato.

Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1808 voti)
Leggi i commenti (22)

Occorre ricordare che oggi, almeno a livello individuale, Dragon viene offerto in tre versioni, differenziate per prestazioni ma, ed è la cosa più importante, tutte e tre dotate dello stesso motore di riconoscimento.

b

Passiamo alla prova del prodotto, nella presunzione che chi legge questa abbia già una conoscenza di base del mondo della speech recognition e di Dragon in generale. Dragon viene offerto in box (che comprende anche una cuffia con microfono, diversa per le differenti versioni e customizzata) oppure attraverso il download. Chi decidesse di adottare questa seconda opzione dovrà disporre di una linea veloce oppure di molta pazienza, considerando che il pacchetto si aggira intorno ai 4 GByte.

L'installazione avviene secondo la consueta procedura: anche qui non è delle più veloci. Successivamente l'utente passerà attraverso il riconoscimento della voce la fase di training, che avviene, al solito, tramite la lettura di un brano per qualche minuto. Da un paio di edizioni, Dragon permette di riconoscere anche il dettato senza la fase di personalizzazione; ma i risultati non sono paragonabili, in termini di qualità. Ricordiamo poi che l'ambiente può essere fortemente personalizzato scegliendo tecniche e modalità per utilizzare comandi, riconoscere frasi, "leggere" documenti già presenti (in pressoché qualunque formato siano, dal semplice testo fino ai più complessi Docx): il tutto allo scopo di creare un dizionario voce-parola personale o dedicato a specifici ambienti professionali.

c

Niente di particolarmente nuovo, in questa fase. Anche la barra principale di Dragon è rimasta la stessa, da quella ampia sul desktop fino alla possibilità di azzerarla nella barra comandi. La stessa barra si incarica di avvisare se l'ottimizzazione del complesso voce + tecnica di dettatura + stile di scrittura sia continuamente aggiornato.

La sola cosa che vogliamo evidenziare, prima di raccontare della più efficienti e nuove funzioni, è che il software è molto sensibile all'efficienza e alla potenza dell'hardware e alla disponibilità di Ram. La prova è stata effettuata su una macchina dotata di Windows 10 a 64 bit, un processore Amd FX 8150 8 Core, 8 GByte di Ram, anche se Nuance assicura che il prodotto funziona anche su macchine di prestazioni inferiori.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Cosa c'è di nuovo, anzi, di migliorato

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)


{lisotte}
E' un buon software, anche se ormai ha raggiunto i suoi limiti da un pezzo, a parte i parziali revamping tanto per tirare su il business. Secondo me avrà un futuro solo se diventerà parte integrante di qualche sistema operativo o suite di grande respiro, semplificandosi attraverso un aumento dell'intelligenza, con... Leggi tutto
10-11-2016 16:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1750 voti)
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics