In cella da 18 mesi perché non vuole rivelare una password

Accusato di pedofilia, resterà in prigione finché non consegnerà i dati che lo incriminerebbero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2017]

password

Nel 2015 un poliziotto di Filadelfia (USA), Francis Rawls, venne arrestato in quanto sospettato di possedere materiale pedopornografico.

Da allora, Rawls è in prigione senza che sia ancora stato ufficialmente incriminato: le prove - i file che lo indicherebbero come colpevole - si trovano su degli hard disk criptati, di cui l'uomo si rifiuta di fornire la password.

Per sostenere la propria posizione Rawls s'è appellato al Quinto Emendamento alla Costituzione USA, che protegge i sospetti dall'obbligo di fornire prove che li incriminerebbero.

Questa visione non è però condivisa dalla Corte d'Appello cui s'è rivolto l'avvocato di Rawls per ottenere la scarcerazione del suo assistito.

Il giudice sostiene che la richiesta della polizia non viola il Quinto Emendamento poiché le forze dell'ordine già sanno che troveranno il materiale illegale, la cui presenza è una «conclusione inevitabile».

«Gli esami forensi hanno anche rivelato che l'uomo ha scaricato migliaia di file che, in base ai loro valori "hash", sappiamo essere pedopornografia. I file, tuttavia, non si trovavano sul Mac Pro, ma erano invece stati conservati su degli hard disk esterni crittografati. Di conseguenza, non è stato potuto accedere ai file» ha spiegato il tribunale di Filadelfia.

Nonostante l'impossibilità di mettere le mani sui file, la presenza sul portatile di una singola fotografia di una ragazzina minorenne in pose sessuali, e la cronologia dei siti visitati, dimostra le tendenze di Rawls.

A ciò si aggiunge la testimonianza della sorella dell'uomo: ella afferma che il fratello le ha mostrato centinaia di foto e video pedopornografici.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1264 voti)
Leggi i commenti (31)

Basandosi su questi dati, il giudice ha deciso che la detenzione dell'uomo, che dura ormai da 18 mesi, è giusta: anzi, Rawls dovrà restare in prigione sino a che non si deciderà a rivelare la password oppure l'ordine del magistrato venga annullato.

Secondo l'avvocato difensore, «Alla fine l'unico fatto appurato è che il governo non ha mosso alcuna accusa. Il nostro cliente è ormai in custodia da quasi 18 mesi sulla base della sua affermazione circa il suo diritto, sancito dal Quinto Emendamento, contro l'autoincriminazione».

Secondo Marc Rumold, esperto legale della EFF, lo svelamento della password da parte di Rawls equivarrebbe a una testimonianza che lo incriminerebbe, e pertanto sarebbe protetto dal Quinto Emendamento, come egli stesso sostiene.

Secondo l'accusa, invece, è proprio la definizione di "testimonianza" a fare la differenza: Rawls - sostengono - non è tenuto a dire alcunché. Basta solo «che ci dia il suo computer e i suoi hard disk non crittografati».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
FBI, meglio un pedofilo in libertà che rivelare l'hack di TOR
UK, la polizia non può costringere un sospettato a fornire le password
Usa, la polizia non può obbligarti a rivelare la password

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 33)

{ling}
Brutta cosa vivere in una tirannia, anche se mascherata.
12-4-2017 20:30

La legge permette di non autoaccusarsi, l'interpretazione del fatto che rivelare la password degli HD sia pari all'autoaccusa è una tesi della difesa che però non è stata smontata dall'accusa poiché non si è andati al processo. Comunque intendo che, dal tuo punto di vista, sono sufficienti un paio di prove indiziarie e una testimonianza... Leggi tutto
9-4-2017 19:02

Nell'altro articolo avevo letto che era stata impiegata una tecnica Apple, e probabilmente alla base c'è un software che permette di cifrare. Leggi tutto
9-4-2017 17:06

La penso anch'io così. Leggi tutto
9-4-2017 11:17

Semmai ci sarà... :wink: Leggi tutto
9-4-2017 11:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1428 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics