Colleghi scontrosi? Ecco come affrontarli

Come sopravvivere ai colleghi che rendono pesante l'atmosfera in ufficio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2017]

colleghi

C'è chi non collabora, chi brontola, chi si lamenta di continuo. Chi non ha mai avuto a che fare con colleghi di questo tipo sul posto di lavoro? Il pessimo umore, i musi lunghi e le incessanti lamentele si ripercuotono inevitabilmente sull'ambiente e sul clima lavorativo, danneggiando lo spirito di squadra.

Per evitare che la situazione si inasprisca ulteriormente e diventi irrecuperabile, meglio intervenire il prima possibile. Ma come?

1. Preservare un sano ambiente lavorativo

In ufficio, il pessimo umore anche di una sola persona influisce negativamente sugli altri e può essere fonte di demotivazione per tutto il team. Secondo uno studio condotto da Cornerstone OnDemand negli USA, in un ufficio di venti persone basta anche una sola persona con un atteggiamento negativo e scontroso a far aumentare del 54% il numero delle dimissioni.

Spesso, le persone che si lamentano sembrano essere talentuose e produttive. Ma solamente in apparenza. Queste persone non perdono mai l'occasione per lamentarsi e criticare gli altri, ma cercano in tutti i modi di nasconderlo ai propri superiori. È importante, quindi, prestare attenzione anche ai più piccoli segnali e ascoltare sempre i propri collaboratori per poter agire il prima possibile e con estrema efficacia.

2. Identificare il problema

Come riconoscere le persone negative? Generalmente, preferiscono la quantità alla qualità e dimostrano scarsa empatia. Si vantano in maniera eccessiva dei propri meriti e si lamentano costantemente delle condizioni di lavoro. Nella realtà, la situazione è molto delicata.

Questo tipo di comportamento può emergere per diversi motivi che causano frustrazione nel dipendente in questione, come ad esempio la mancanza di opportunità di crescita all'interno dell'azienda, un sovraccarico di lavoro o un più generale senso di noia e disinteresse per le proprie mansioni. Spetta ai responsabili di team individuare il problema.

3. Favorire il dialogo

Un incontro vis à vis con il diretto interessato è il primo passo. Innanzitutto, è importante evidenziare i risvolti positivi del lavoro svolto. Dopo un'accurata analisi e non prima di aver suscitato nel proprio interlocutore una sincera presa di coscienza, si possono passare al vaglio le diverse opzioni per risolvere concretamente il problema.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2048 voti)
Leggi i commenti (17)

La frase giusta da dire in questo frangente potrebbe essere qualcosa di simile a questo: "Sto notando un tuo comportamento che turba l'ufficio. Mi piacerebbe discuterne in modo tale da migliorare la situazione e trovare insieme una soluzione".

Giungere a un accordo che possa soddisfare entrambe le parti è fondamentale per la risoluzione definitiva del problema. A questo scopo, le possibilità sono tante: un cambiamento nella postazione di lavoro, il coinvolgimento in altri progetti, un alleggerimento del carico di lavoro, una migliore suddivisione dei compiti, un appuntamento con le risorse umane per prendere in considerazione l'inserimento in un percorso formativo o, ancora, la concessione del supporto di un profilo junior che è appena entrato in azienda.

4. Monitorare la situazione

In seguito, un regolare controllo è indispensabile. Lo scopo? Vedere come la situazione evolve e verificare che la persona interessata tenga fede agli impegni presi. Nella maggior parte dei casi, le cose migliorano. E così anche l'ambiente. I vostri collaboratori non potranno che esservi riconoscenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Questo perchè nei posti di potere di solito ci sono uomini, che ragionano con l'uccello anzichè con il cervello. Se ci fossero più donne forse sarebbe diverso....ma forse....perchè in posti di lavoro dove ho lavorato è il capo era una donna succedeva in parte la cosa opposta. Diciamo, non c'era il sesso di mezzo, ma la preferenza per... Leggi tutto
25-4-2017 11:38

Sono certo d'accordo sul fatto che il merito lavorativo, negli ambienti di lavoro, dovrebbe essere preferito ad altri meriti più prosaici ma, purtroppo, l'essere umano è quello che è e il classico pelo di f... è sempre un gran propellente per qualsisi tipo di carriera dal momento che si tratta del più classico eantico esempio di do ut... Leggi tutto
24-4-2017 14:51

Il mio problema è quello che sono cresciuta in una zona agricola, li mi sono diplomata e li ho cominciato a cercare lavoro (perdendo tempo prezioso, in quanto il lavoro di qualità in quella zona ha sempre scarseggiato, e si è giovani una volta sola). E vi posso garantire che sono molto meno sfortunata rispetto ad altre mie conoscenze... Leggi tutto
23-4-2017 11:02

Ah beh... allora capisco...
22-4-2017 15:58

Ok, ammetto che "i miei colleghi" hanno sempre rappresentato il peggior lato dei cantieristi, soprattutto in occasione dell'invasione italiana in serbia, mentre Mary è stata davvero sfortunata, comunque da quello che ho letto concordo anch'io che tu, invece, sei stato particolarmente fortunato (o sei riuscito a trovare posti... Leggi tutto
22-4-2017 15:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai sostituito il tuo notebook (o netbook) con un tablet?
Sì, e riesco a lavorarci perfettamente.
Non l'ho ancora fatto, ma ci sto pensando.
Niente affatto, mi serve un vero notebook.
Li ho entrambi.
Non ne ho nessuno dei due.

Mostra i risultati (3797 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics