Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo

Basta un po' di calore e le crepe spariscono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-08-2017]

motorola

È l'incubo di ogni possessore di smartphone: il cellulare cade e, quando viene raccolto, sullo schermo c'è un'orribile ragnatela di crepe, cui si può porre rimedio soltanto cambiando il display.

Tutto ciò sarà soltanto un ricordo quando Motorola riuscirà a immettere sul mercato smartphone dotati della sua ultima invenzione: lo schermo che si ripara da solo.

Da tempo Motorola è allo studio per sviluppare display per smartphone ultra-resistenti al fine di prevenire le rotture, ma ha anche deciso di ideare un rimedio facile ed economico per quando è ormai già troppo tardi.

Il brevetto richiesto dalla controllata di Lenovo descrive uno schermo realizzato con un polimero a memoria di forma che, sottoposto a rapidi cambi di temperatura, è in grado di riparare sé stesso.

La fonte di calore - stando al brevetto - può essere esterna allo smartphone (è sufficiente il calore corporeo, o una docking station apposita), ma può anche essere interna a esso. Anzi, Motorola sogna un futuro in cui un'app segnala all'utente il fatto che il telefono ha individuato una crepa e la sta autonomamente riparando.

Sondaggio
Quale è il motivo principale della tua scelta di cambiare fornitore di ADSL o di fibra ottica?
Maggiore velocità
Tariffe più convenienti
Tv in aggiunta
Telefonia mobile in aggiunta
Altro

Mostra i risultati (1637 voti)
Leggi i commenti (8)

Il polimero può essere usato per proteggere qualsiasi display Lcd o Led e può contenere un sensore capacitivo per fornire le funzionalità touch, anche se probabilmente l'effetto complessivo non sarà elegante come quello che restituiscono gli schermi in vetro.

In ogni caso, sebbene l'idea sia affascinante, non è possibile sapere se e quando diventerà realtà: per il momento si tratta soltanto di un'intuizione brevettata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
iPhone 13, solo Apple può riparare lo schermo

Commenti all'articolo (4)

Comunque sia a me un'invenzione del genere servirebbe, l'altro giorno mi hanno camminato sul cellulare, ora sembra che abbia il Nokia Bananino
31-8-2017 16:03

Infatti l'insensatezza è il permettere di brevettare un'idea senza nemmeno comprovarne le caratteristiche fondamentali per funzionare e l'efficacia (IMHO). A questo punto se un altra azienda riesce a sviluppare un metodo prima ed in modo efficace non potrà beneficiarne senza pagare royalties perchè l'idea è già brevettata... :roll:
23-8-2017 14:24

Hanno brevettato l'idea in modo che Samsung, Apple, ecc..se la svilupperanno per primi, non potranno inserirla come nuova features sul loro top di gamma. E comunque, non sempre si rompe il vetro. Il mio quando mi era caduto (malamente) il vetro era intatto. I cristalli liquidi però annerivano lo schermo gradualmente... :roll:
23-8-2017 07:37

Quindi, se capisco bene, hanno brevettato l'idea o poco più... ma è sensato?
20-8-2017 18:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1920 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics