L'app per creare ransomware in pochi secondi, senza saper programmare



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-08-2017]

malware app
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Il ransomware è la moda del momento, quantomeno tra i criminali informatici: dal loro punto di vista, e a meno di venir arrestati, permette di guadagnare senza troppa fatica.

Anzi, a voler essere precisi di fatica ce ne vuole proprio poca: nel web è tutt'altro che difficile trovare dei kit per realizzare il proprio malware senza dover scrivere una riga di codice.

I Trojan Development Kit si trovano facilmente sui forum che si occupa di hacking e tramite un servizio di messaggistica popolare in Cina.

Sono distribuiti sotto forma di app per Android e sono dotati di un'interfaccia semplice da usare: all'apertura permette di scegliere le opzioni necessarie per creare il proprio ransomware personalizzato, dalla chiave necessaria a sbloccare il dispositivo preso di mira alle animazioni da mostrare.

Completata questa fase, basta premere il pulsante Crea e il malware viene creato, a patto che l'aspirante hacker abbia già confermato l'iscrizione al servizio, che richiede il pagamento di una somma in denaro ai creatori dell'app.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1356 voti)
Leggi i commenti (3)

Se tutto è regolare il malware viene salvato sulla memoria esterna del dispositivo usato per la creazione ed è pronto per essere diffuso.

Chiunque sia sufficientemente sfortunato da venir convinto con l'inganno a installare il malware, si ritroverà il dispositivo bloccato in attesa del pagamento del riscatto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
SyncCrypt, il malware che si diffonde con lo spam
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Ransomware, la reputazione dei ''pagatori'' si diffonde velocemente

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


Approfondendo sulla pagina Symantec linkata all'articolo di ZN si evince che i ransomware creabili con l'app sono per Android e sono derivati dal trojan Android.Lockdroid.E.
2-9-2017 15:53

@zero Un conto è sviluppare sw, un'altro è unire vari blocchi di codice già scritto e fonderli opportunamente. In ogni caso, nell'articolo non è menzionato, potrebbe benissimo essere utilizzato un server (o più) nel Cloud per eseguire i compiti più pesanti
30-8-2017 22:04

Cesco67, se col PC vuoi sviluppare un app android, devi installare una montagna di software, incluso un emulatore di android. Fare il contrario, usando una banale app, penso sia impossibile.
30-8-2017 18:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (2855 voti)
Giugno 2018
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Huawei brevetta lo smartphone ''tutto schermo''
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Maggio 2018
Semplicità
Tutti gli Arretrati


web metrics