Una cura a lungo termine per contrastare l'allergia alle arachidi

Ora si può sperare di sconfiggere tutte le allergie alimentari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2017]

cura allergia arachidi

Negli ultimi decenni le allergie alimentari sono andate crescendo e, tra queste, una di quelle che miete più vittime è quella alle arachidi.

Un gruppo di ricercatori del Murdock Childrens Research Institute di Melbourne ha però scoperto un modo per annullare gli effetti dell'allergia per lungo tempo.

Nei test clinici un probiotico, il Lactobacillus rhamnosus, è stato somministrato per 18 mesi a dei bambini insieme a una proteina che si trova nelle arachidi.

Il Lactobacillus rhamnosus è noto per essere associato alla capacità di prevenire i sintomi delle allergie, ed è su questa base che i ricercatori australiani hanno iniziato la sperimentazione.

Un mese dopo la conclusione della somministrazione, l'80% dei bambini poteva mangiare arachidi senza mostrare alcun sintomo di allergia. Dopo quattro anni, il 70% di loro era possedeva ancora quella capacità.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (499 voti)
Leggi i commenti (12)

«L'importanza di questa scoperta» - spiega la professoressa Mimi Tang, che ha guidato lo studio - «sta nel fatto che quei bambini erano in grado di mangiare arachidi proprio come dei bambini che non hanno alcuna allergia alle arachidi e di mantenere tuttavia il loro stato di tolleranza, protetti dalle reazioni alle arachidi».

Si tratta della prima volta in cui un trattamento mantiene la propria efficacia tanto a lungo e ora i ricercatori intendono valutare quanto questo sistema possa aiutare a migliorare la qualità della vita delle persone con allergie alimentari, che si stima siano oltre 250 milioni in tutto il mondo.

«È un grande passo in avanti verso la scoperta di un trattamento efficace per curare il problema delle allergie alimentari nelle società occidentali» ha concluso la professoressa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Donna francese riceve assegno invalidità perché allergica al Wi-Fi

Commenti all'articolo (1)

{mastro din}
Un mondo di lottatori. Si lotta contro ogni cosa, anche se stessi. Che infantilismo.
31-8-2017 21:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (1755 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics