Vecchissimo bug in Windows vanifica gli antivirus

Presente sin da Windows 2000, impedisce l'identificazione dei malware.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-09-2017]

windows bug

Ai tempi di Windows 2000, Microsoft inserì nel proprio sistema operativo una caratteristica che, sulla carta, avrebbe dovuto migliorarne la sicurezza.

Si trattava della chiamata di sistema PsSetLoadImageNotifyRoutine, il cui compito è controllare l'eventuale caricamento di codice pericoloso nella memoria.

Tale routine è passata a ogni discendente di Windows 2000 rilasciato fino a oggi, tanto che è tuttora presente in Windows 10 ed è usata dai vari software antivirus per aiutarsi nell'identificazione dei malware.

Il guaio è che ora Omri Misgav, esperto di sicurezza che lavora per enSilo, si è accorto che chi a suo tempo programmò quella funzione non ha fatto esattamente un buon lavoro.

«Il guaio è che, dopo aver registrato una routine di notifica per le immagini PE nel kernel, il callback può ricevere dei nomi di immagine non validi» spiega Misgav.

In sostanza, un malware può sfruttare il bug nell'API di PsSetLoadImageNotifyRoutine per convincere il sistema a verificare la pericolosità di un file assolutamente innocuo anziché quella del malware stesso: così la verifica della pericolosità viene fatta su un file sicuro, e il malware che può compiere indisturbato il proprio, malefico lavoro.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilit.
S, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
S, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
S, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1188 voti)
Leggi i commenti (3)

«Questo bug ha delle ripercussioni sui produttori di software di sicurezza che si affidano alla documentazione di Microsoft quando usano l'API per controllare i file caricati in memoria» aggiunge Udi Yavo, fondatore di enSilo. «Dato che il bug non è documentato e non esiste alcun modo ufficiale per aggirarlo, i produttori di software di sicurezza rischiano di non identificare del malware».

Microsoft, interrogata in proposito da enSilo, ha fatto sapere di non avere intenzione di correggere il problema, poiché ritene che esso «non costituisca una minaccia per la sicurezza».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come violare un account Windows in un minuto
Google: ''Falle irrisolte in Windows e nei browser Microsoft''
La falla in Windows che manda in crash il PC
Microsoft spiega il ritardo di sette anni per la patch

Commenti all'articolo (4)

Peggio per chi si ostina a non usare Linux!
16-9-2017 20:20

{ViR}
E soprattutto dovrebbe soddisfare il diritto di chi ha comprato quel prodotto (o lo ha avuto in licenza come preferiscono dire quindi un servizio, o se l'è trovato preinstallato sul PC, ecc.) di avere il prodotto / servizio sostituito o rimborsati nel prezzo. Purtroppo i produttori, non solo Microsoft, di software hanno... Leggi tutto
15-9-2017 20:45

Mi sembra un'affermazione un pochino forte e di parte sopratutto senza motivarne la ragione, sarebbe interessante che M$ ci desse una spiegazione del perch non la ritiene una minaccia... Leggi tutto
14-9-2017 19:27

"ha suo tempo"?!?!?!? No, vi prego!!!
13-9-2017 21:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2339 voti)
Novembre 2017
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics