Condividere il taxi? Si può anche in Italia

A Torino, Milano e Roma.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2017]

taxi

È stato presentato oggi un nuovo servizio di condivisione del taxi in pooling, operante esclusivamente tramite tassisti con regolare licenza, che dovrebbero così assicurare ai consumatori uno standard di qualità e di sicurezza elevato.

Si chiama mytaxi match e sarà inizialmente disponibile a Varsavia, dove sarà possibile condividere 1.000 veicoli. Successivamente il servizio verrà lanciato anche in altre città europee. Per garantire il successo di questa nuova tecnologia, negli ultimi mesi mytaxi match è stato sottoposto a specifici test.

Andrew Pinnington, CEO di mytaxi, ha rilasciato a Zeus News il seguente commento: "Dobbiamo continuare a innovare la nostra tecnologia per condurre il settore dei taxi nel ventunesimo secolo. Siamo certi dei vantaggi sia per i passeggeri, i quali possono beneficiare di un servizio premium a un prezzo ridotto, sia per gli autisti, che hanno modo di aumentare le loro corse. Il lancio a Varsavia segna un importante passo verso la nostra ambizione di portare il servizio nelle altre città europee nelle quali già operiamo col servizio standard".

L'app promette di essere il più semplice possibile per l'utente. Con pochi click, infatti, connette due differenti passeggeri che viaggiano nella stessa direzione e che potranno condividere la comodità, la velocità e il costo della corsa. I passeggeri più "ecologici" possono viaggiare felici sapendo che la condivisione del viaggio riduce i livelli di inquinamento e il traffico cittadino. Al momento mytaxi è presente in Italia a Roma e a Milano.

Sondaggio
Quale di questi trucchi per risparmiare benzina ti sembra più efficace?
Rimuovere i box portapacchi dal tetto quando non utilizzati.
Cercare le stazioni di servizio con i prezzi più bassi.
Controllare almeno una volta al mese la pressione delle gomme.
Eliminare oggetti inutili e pesanti dal bagagliaio.
Non superare i limiti di velocità.
Utilizzare la funzione "percorso più economico" dei navigatori.
Non adottare uno stile di guida aggressivo.
Non lasciare il condizionatore sempre acceso, indipendentemente dalla temperatura esterna.

Mostra i risultati (2503 voti)
Leggi i commenti (23)

Ma mytaxi non è l'unica app che mira alla condivisione del taxi. Già operante in Italia (per ora solo a Torino) c'è infatti Wetaxi, che permette di prenotare e condividere il taxi in tempo reale.

Nei giorni scorsi Wetaxi ha lanciato una campagna per rendere più semplice ed economico spostarsi da e per l’aeroporto Sandro Pertini di Torino Caselle: prenotando il taxi tramite l’applicazione nelle fasce orarie comprese tra le 6 e le 10 e tra le 16 e le 20 sarà sempre garantito uno sconto sulle corse pari al 50%.

Per condividere un taxi da e verso l’aeroporto, basterà aprire l’app, selezionare “condividi il taxi”, inserire l’indirizzo di partenza o destinazione e scegliere la fascia oraria di interesse. Sarà l’applicazione stessa a trovare gli altri passeggeri con cui dividere la corsa e comunicherà all’utente, almeno mezz’ora prima, l’esatto orario di partenza. Il prezzo verrà comunicato in anticipo e con uno sconto fisso del 50%, sia che si riesca a viaggiare in compagnia sia che si viaggi da soli.

Il servizio di Wetaxi, startup del Politecnico di Torino, ha preso il via nel capoluogo piemontese grazie alla collaborazione con Taxi Torino, che unisce le storiche cooperative torinesi Radio Taxi 5730 e Pronto Taxi 5737.

Massimiliano Curto, CEO della startup torinese, ha spiegato a Zeus News: "Vogliamo trasformare il servizio di trasporto urbano, garantendo trasparenza e semplicità". L'app consente infatti di prenotare gratuitamente il taxi con pochi click sullo smartphone specificando giorno e ora, di avere il calcolo della tariffa in anticipo inserendo punto di partenza e di destinazione, di controllare gli spostamenti del taxi in tempo reale e di pagare tramite app oppure direttamente a bordo. In più, l’applicazione permette di condividere la corsa e risparmiare ulteriormente, non soltanto in termini economici ma anche ambientali, abbattendo le emissioni nocive di CO2 in atmosfera.

A Milano è previsto per i primi mesi del 2018 il lancio di BluPooler, un altro servizio nascente di taxi condiviso. È stato presentato a luglio da BePooler durante People & Mobility 2.0, un evento relativo a un sistema intelligente di ottimizzazione dell'impatto urbano del parco auto e di sicurezza stradale.

Auto proprie, taxi e flotte, il tutto semplicemente ottimizzando il coefficiente di riempimento delle auto, senza investimenti infrastrutturali né aumentando tempi e costi connessi. In definitiva, dunque, un servizio con un beneficio immediato, tangibile e verificabile da utilizzatori, aziende ed enti pubblici.

Andrea Moglia e Antonio Turroni di BePooler hanno messo a fuoco l’impatto degli attuali spostamenti in auto 1:1, cioè un solo lavoratore su un’auto, in riferimento a traffico, sicurezza e ambiente nella città di Milano, luogo dove, giornalmente, si muovono oltre un milione di lavoratori in e out. Congestione, inquinamento, incidenti e carico di stress sono alcune tra le conseguenze delle scelte inefficienti e, a questo proposito, BePooler offre una soluzione funzionale e condivisa: car together.

"Il successo tecnologico della piattaforma, sperimentato in oltre due anni di attività in Ticino, necessita di essere accompagnato da concreti vantaggi legati alla buona pratica del carpooling con i colleghi" ha spiegato Andrea Moglia a Zeus News. "C’è bisogno che gli utenti affrontino eventuali resistenze psicologiche al cambio delle abitudini. Una volta provato il servizio, la predisposizione a utilizzarlo aumenta, le barriere cadono e il carpooling diventa tendenza, quasi una moda".

Prosegue Moglia: "I benefici complessivi sono talmente evidenti e tangibili da far dimenticare l’abitudine di viaggiare da soli. Per questo il nostro progetto è un vero strumento di welfare aziendale. Le aziende lungimiranti favoriscono i carpoolers con incentivi economici (premi, buoni carburante) e vari benefits (parcheggi, accessi privilegiati, convenzioni, corsi di guida sicura), generando valore e fidelizzazione".

Antonio Turroni ha aggiunto: "Stiamo illustrando alle local authorities di competenza i benefici della destinazione di parcheggi e corsie preferenziali alle auto in pool: meno tempo, meno traffico, meno stress per tutti. Noi di BePooler possediamo la tecnologia più avanzata al mondo con un pacchetto a 360 gradi capace di coordinare policy aziendali e incentivi pubblici, oltre a strumenti tecnologici di assoluta avanguardia anche in relazione alle partnership d’eccellenza con Viasat (per il monitoraggio del driving behaviour) e con il Politecnico di Milano".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'amazonite è...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1049 voti)
Luglio 2018
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Tutti gli Arretrati


web metrics