La fine del mondo, virtuale

Cassandra Crossing/ Sarà un bug informatico usato come arma a provocare la fine del mondo? Poteva succedere nel mondo virtuale e stavolta è andata bene; ma domani?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2024]

cassandra stranamore
Columbia Pictures — Dr. Strangelove trailer from 40th Anniversary Special Edition DVD, 2004, Pubblico dominio.

CVE-2024-22252-3-4-5. Queste lettere e numeri sono incomprensibili dal 99,9% delle persone normali, e probabilmente anche dai 24 intelligentissimi lettori di Cassandra. Tradotto in italiano, con una buona traduzione, di quelle che spiegano il significato più profondo, suonerebbe così: «Abbiamo evitato che qualcuno potesse provocare la fine del mondo delle macchine virtuali».

Ma ancora per molti non sarà chiaro, o almeno non ne sarà chiara l'importanza. Riproviamo. «La maggior parte dei server al mondo potevano essere bloccati o distrutti da un singolo atto di guerra informatica, ma questa volta ce ne siamo accorti e l'abbiamo impedito». Chiaro, no? E veniamo al fatto.

CVE-2024-22252-3-4-5 è il nome assegnato a una serie di falle informatiche che consentono di penetrare l'ipervisore dei sistemi VMware ESX, permettendo di accedere al server fisico sottostante e di fare qualsiasi cosa, incluso bloccare o distruggere il server fisico, e con esso tutte le macchine virtuali che vi girano sopra.

Non molti sanno che la maggior parte dei server che costituiscono il tessuto della Rete odierna non sono "ferro", macchine fisiche, ma macchine virtuali che funzionano tutte insieme su un unico server specializzato. Diciamo tipicamente 10-100 macchine che condividono un unico computer. Questi server sono forniti da pochissime ditte specializzate e VMware è quella che detiene la fetta di mercato maggiore.

Il "baco" di cui stiamo parlando è relativo non a un particolare prodotto della VMware, ma all'emulazione del sottosistema USB, che è incluso in tutti i prodotti dell'azienda, e che quindi può essere usato per comprometterli anche tutti insieme.

Uno zero-day di questo calibro potrebbe essere usato da un fabbricante di malware, o da un attore di uno Stato-nazione che volesse dotarsi di un'arma informatica devastante dal punto di vista tattico, a livello della Macchina Fine del Mondo del Dottor Stranamore. Qualcuno ha detto Stuxnet?

Per fortuna non è successo. Ma magari quest'arma era davvero già stata prodotta, e messa da parte per un uso futuro in qualche arsenale di Cyber-armi. Per fortuna stavolta sarà disinnescata completamente nel giro di pochi giorni e diverrà inutile come una bomba atomica privata delle semisfere di plutonio.

Non è quindi successo che una parte sostanziale del mondo reale smettesse di funzionare improvvisamente, magari innescando quel collasso di cui Cassandra ama vaticinare da un po' di tempo a questa parte.

Ma quante di queste vulnerabilità esistono che non sono state ancora trovate? E quante di queste sono in realtà state trovate e mai rese pubbliche, ma usate per confezionare altre armi cibernetiche, altre Macchine Fine del Mondo immagazzinate nei cyber-arsenali di Stati-nazione (canaglie o meno), di organizzazioni criminali, di aziende di armamenti e compagnia cantando?

Tutto questo vi preoccupa o magari addirittura vi spaventa? Bene, vuol dire che siete ancora vivi e vigili.

È notizia di questi giorni che il Presidente degli Stati Uniti ha ordinato ai programmatori che lavorano per il suo Paese di smettere di usare certi linguaggi e usarne altri, perché producono meno bug informatici. Dico, lui è preoccupato; sì, il Presidente degli Stati uniti si preoccupa di come lavorano i programmatori, dei danni che possono fare. Voi cosa pensate di fare?

Per chiudere e non farvi dormire stanotte, Cassandra rincara la dose; questo tipo di problema, volendo preoccuparsi di catastrofi, non è il peggio che possa accadere. Vogliamo parlare di silicio? Esatto, e lo faremo. Ma questa... questa è un'altra storia. «Stateve accuorti».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
La fine del mondo, di silicio

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hacker danneggiano acquedotto
Cronache da un futuro probabile
Symantec: Stuxnet cova nell'ombra
Microsoft propone la quarantena per i PC infetti
L'apocalisse che viene dal Sole
Un buco nero creato dall'uomo
L'acceleratore del Cern attira l'attenzione di Google

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

piccolo appunto per Cassandra, questa descrizione riguarda solo i microprocessori intel delle ultime generazioni, quelli progettati da AMD hanno un nucleo elaborativo differente, e quindi avranno un destino differente. Poi ci sono quelli progettati con il nucleo ARM differente dai due precedenti. In circolazioni ci sono processori IBM... Leggi tutto
28-5-2024 14:31

Tecnicamente le CPU unita centrali di processamento si stanno uniformando ai microcontrollori, o per dire meglio a dei Macrocontrollori che al loro interno contengono tutto quello che un tempo era compiuto da altri integrati, Latch, arbitraggio del Bus, gestore del I/O, accesso diretto alla memoria, controllo delle periferiche seriali e... Leggi tutto
1-5-2024 18:24

{picoh}
la CyberWar evolve di pari passo con sviluppo delle classiche tecnologie di guerra,si spera venga usata solo come deterrente al pari di altri sistemi d'arma reali sviluppati negli ultimi decenni...Ma è un dato di fatto che il rischio (wargame) aumenta con l'aumentare dell'instabilità economico-sociale e... Leggi tutto
14-3-2024 12:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La nuova Xbox One presenta molti punti controversi: impossibilitÓ di prestare giochi agli amici, connessione Internet obbligatoria per giocare, uso del Kinect invece che del telecomando. Secondo te sarÓ un successo o un flop?
AvrÓ pi¨ successo della Xbox 360.
SarÓ un flop colossale.
VenderÓ molto ma non riuscirÓ a bissare il successo dell'edizione 360.

Mostra i risultati (839 voti)
Maggio 2024
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 maggio


web metrics