Il Parlamento Europeo approva la legge sull'intelligenza artificiale

Servirà a promuovere l'innovazione e a garantire il rispetto dei diritti fondamentali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-03-2024]

ue regolamento intelligenza artificiale
Foto di Christian Lue.

«Garantisce sicurezza e rispetto dei diritti fondamentali e promuove l'innovazione»: con queste parole il Parlamento Europeo ha annunciato l'approvazione del regolamento sull'intelligenza artificiale, di cui si parla dallo scorso anno.

Il testo completo del documento è disponibile, in formato PDF, sul sito dell'Europarlamento ma, in sintesi, esso dichiaratamente si occupa di «proteggere i diritti fondamentali, la democrazia, lo Stato di diritto e la sostenibilità ambientale dai sistemi di IA ad alto rischio, promuovendo nel contempo l'innovazione e assicurando all'Europa un ruolo guida nel settore».

Nella pratica, ciò si traduce innanzitutto nel divieto di certe applicazioni di Intelligenza Artificiale, quali «i sistemi di categorizzazione biometrica basati su caratteristiche sensibili e l'estrapolazione indiscriminata di immagini facciali», ma anche «i sistemi di riconoscimento delle emozioni sul luogo di lavoro e nelle scuole, i sistemi di credito sociale, le pratiche di polizia predittiva (se basate esclusivamente sulla profilazione o sulla valutazione delle caratteristiche di una persona) e i sistemi che manipolano il comportamento umano o sfruttano le vulnerabilità delle persone».

Il divieto non è però assoluto. Per le forze dell'ordine sono infatti previste delle eccezioni: potranno infatti utilizzare l'identificazione biometrica "in tempo reale" a patto di rispettare «garanzie rigorose, ad esempio se l'uso è limitato nel tempo e nello spazio e previa autorizzazione giudiziaria o amministrativa»; ciò sarà possibile in caso di necessità come per «la ricerca di una persona scomparsa o la prevenzione di un attacco terroristico».

Sempre per quanto riguarda la protezione dei titolari di dati personali, ma anche per tutelare il diritto d'autore, il regolamento prevede «obblighi di trasparenza»; chi sviluppa IA e modelli dovrà inoltre «effettuare valutazioni dei modelli, di valutare e mitigare i rischi sistemici e di riferire in merito agli incidenti», e tutti i contenuti manipolato o artificiali «dovranno essere chiaramente etichettati come tali».

Particolare attenzione è dedicata alle cosiddette «IA ad alto rischio», categoria in cui rientrano «gli usi legati a infrastrutture critiche, istruzione e formazione professionale, occupazione, servizi pubblici e privati di base, alcuni sistemi di contrasto, migrazione e gestione delle frontiere, giustizia e processi democratici (come nel caso di sistemi usati per influenzare le elezioni)».

Anche in questi casi sono previsti obblighi particolari - «essere trasparenti e accurati e garantire la sorveglianza umana» e l'istituzione di canali attraverso i quali i cittadini possano esprimere lamentele.

L'iter del regolamento prevede ora che esso venga verificato da giuristi e linguisti e approvato dal Consiglio dell'Unione Europea; si prevede che sia adottato entro la fine dell'attuale legislatura europea, orma in scadenza.

A quel punto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della UE; dopo venti giorni entrerà in vigore e in generale inizierà a essere applicato due anni dopo salvo alcune parti che avranno tempi diversi.

Le parti dedicate alle pratiche vietate saranno applicate già sei mesi dopo l'entrata in vigore; i codici di buone pratiche nove mesi dopo; le norme sui sistemi di IA per finalità generali 12 mesi dopo, e gli obblighi per i sistemi ad alto rischio dopo 36 mesi.

Dragos Tudorache, correlatore della commissione per le libertà civili, ha commentato così l'approvazione: «L'UE ha mantenuto la promessa. Abbiamo collegato per sempre al concetto di intelligenza artificiale ai valori fondamentali che costituiscono la base delle nostre società».

«L'intelligenza artificiale» - ha poi continuato Tudorache - «ci spingerà a ripensare il contratto sociale che sta alla base delle nostre democrazie. Insieme ai nostri modelli educativi, ai nostri mercati del lavoro, al modo in cui conduciamo le guerre. La legge sull'IA non è la fine del viaggio, ma piuttosto il punto di partenza per un nuovo modello di governance basato sulla tecnologia. Ora dobbiamo concentrarci per trasformarla da legge sui libri a realtà sul campo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Una libreria open source per aggiungere la IA ai siti web
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
La privacy è morta?

Commenti all'articolo (5)

{Serflex}
Io sono contrario alla AI diffusa, dovrebbe esere tollerata solo in casi eccezionali e con strette verifiche, se sfuggisse dal controlo sarebbe un disastro umanitario. Per me è risibile il fatto che si possa pensare di gestirla come qualsiasi altra applicazione informatica e se sarà applicata, in particolare in modo subdolo... Leggi tutto
29-4-2024 14:55

Mi lascia un po l'amaro in bocca che questo regolamento nel preambolo, espliciti che serve per il miglioramento del mercato interno! :shock: Avrei preferito una maggiore enfasi sulle libertÓ e sulle tutele delle riservatezze delle persone. :evil: il preambolo e particolarmente lungo ed ampolloso nel linguaggio, segno di una... Leggi tutto
22-3-2024 13:47

Mi pare il solito discorso per cui chi ha i mezzi deve poter fare quello che vuole con la scusa dell'innovazione. Poi tutti quanti ci troviamo a dover far fronte ai problemi che emergono, mentre chi ha fatto quello che voleva ne ha tratto (e magari continua a trarne) i benefici Ben venga la norma! Se si dimostrasse inadatta si potrÓ... Leggi tutto
17-3-2024 20:07

Quindi evviva la totale deregulation? E' questo che intendi donie?
17-3-2024 10:41

{donie}
Un sacco di chiacchiere ideologiche, di buoni propositi, di parole fumosamente politiche in cui si vede bene che la stupidità naturale è il necessario bilanciamento dell'intelligenza artificiale. E mentre l'europa dei burosauri norma, l'America dei creativi produce...
15-3-2024 14:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste previsioni ritieni che diventerÓ realtÓ per prima?
Si potranno trapiantare organi di ricambio cresciuti in laboratorio.
I computer svilupperanno capacitÓ creative, riuscendo a creare vere opere d'arte senza intervento umano.
Il teletrasporto delle persone diventerÓ realtÓ.
Su Marte e sui pianeti abitabili si costruiranno colonie nelle quali si potrÓ vivere per lunghi periodi.
Riusciremo a controllare il tempo atmosferico, cancellando siccitÓ, inondazioni e catastrofi naturali.

Mostra i risultati (2254 voti)
Maggio 2024
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 maggio


web metrics