Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano

Una proposta di legge vuole introdurre limiti severi per l'uso dei dispositivi elettronici da parte dei minori, e prevede sanzioni per chi non li rispetta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-04-2021]

bambini smartphone proposta legge

All'inizio di quest'anno la morte di una bambina - inizialmente legata, in apparenza, a una sfida su TikTok - aveva portato la politica a lanciare tutta una serie di proposte sulla regolamentazione dell'utilizzo di smartphone e social network da parte dei minori.

In seguito il legame con la popolare app venne smentito, e anche le varie idee emerse - e spesso difficilmente praticabili - caddero nel dimenticatoio.

Ora però alcuni deputati hanno presentato alla Camera una proposta di legge che torna sulla questione, paventando la pericolosità degli strumenti elettronici sui più giovani e arrivando a introdurre divieti e multe.

«Difficoltà di apprendimento, ritardi nello sviluppo del linguaggio, perdita della concentrazione, aggressività ingiustificata, alterazioni dell'umore, disturbi del sonno, dipendenza: sono solo alcuni degli effetti che eminenti studiosi hanno riscontrato dopo aver verificato le conseguenze che l'uso continuato di telefoni cellulari e di altri apparecchi radiomobili provocherebbe nei bambini e negli adolescenti»: così si apre il testo della proposta, che in buona parte è composto da citazioni di studi che proverebbero le conseguenze nefaste dell'utilizzo dei dispositivi elettronici da parte dei minori.

Certo, la proposta stessa ammette a un certo punto che «per la verità, attualmente, non esistono ancora evidenze scientifiche definitive sugli effetti delle radiazioni emanate dai telefoni cellulari» - e dunque smente sé stessa quando parla di rilevazione di effetti biologici - ma è pur vero che sin da giovanissimi, spesso, si sviluppa una sorta di dipendenza dagli smartphone e, più che altro, dai servizi che tramite essi sono accessibili (come il già citato TikTok, ma non solo).

A questo scenario i deputati promotori aggiungono strali lanciati verso «genitori a dir poco compiaciuti e compiacenti» nei confronti dei figli che adoperano cellulari «di ultima generazione per parlare con qualcuno oppure per aprire icone colorate,che rimandano a chissà quali applicazioni,convinti che si tratti di un gioco».

Sondaggio
A partire da quale età i bambini dovrebbero avere uno smartphone personale?
Nessuna
3 anni o meno
4-5 anni
6-7 anni
8-9 anni
10-11 anni
12-14 anni
15-17 anni

Mostra i risultati (1868 voti)
Leggi i commenti (8)

Viene così disegnato un quadro da cui emerge lo scopo della proposta, ossia la regolamentazione, che si può riassumere in quattro punti (elencati nell'articolo 3 della proposta stessa).

1. Divieto di utilizzo nei primi tre anni di vita;
2. Utilizzo graduale per non più di un'ora al giorno nella fascia di età da quattro a sei anni;
3. Utilizzo non superiore a tre ore giornaliere nella fascia di età da sei a otto anni;
4. Utilizzo non superiore a quattro ore giornaliere nella fascia di età  da nove a dodici anni.

Non solo: è volontà dei promotori che l'uso di smartphone, tablet e compagnia (indicati nell'insieme come «dispositivi a radiofrequenza») sia «consentito esclusivamente sotto la supervisione di un genitore o di chi ne fa le veci».

Qualora poi il genitore o chi per esso fallisca nella sorveglianza, la proposta di legge prevede che non se la possa cavare a buon mercato: l'articolo 6 afferma che «chiunque venga a conoscenza di violazioni delle disposizioni di cui alla presente legge è tenuto a segnalarlo alla competente autorità giudiziaria», mentre quello successivo contempla ammende da 300 a 1.500 euro «in base alla gravità della violazione».

Inoltre, nella proposta è contenuto il divieto di utilizzare smartphone e tablet (o assimilabili) nelle scuole primarie di primo e secondo grado, fatte salve le necessità di alunni con disabilità.

Arriverà questa proposta di legge là dove non sono riuscite quelle che l'hanno preceduta? Sembra improbabile. Non soltanto c'è la questione di come valutare da un lato la mancanza di evidenze scientifiche circa i danni biologici di smartphone e tablet e dall'altro l'evidenza di fenomeni come la nomofobia, ossia la paura incontrollata di restare sconnessi dalla Rete, rilevata anche tra i più giovani.

C'è anche la questione della liceità di una volontà di regolamentazione delle vite personali avanzata in un modo che appare fin troppo invasivo, al di là degli effettivi benefici che tale controllo possa apportare; tutto ciò, poi, senza contare le difficoltà di operare la sorveglianza.

Chi infatti dovrebbe rilevare gli orari di utilizzo dei dispositivi? Si dovrebbe fare affidamento sui delatori, come suggerisce l'articolo 6, o tornerebbero in auge proposte come l'introduzione di Spid per i minori, come appunto qualcuno aveva già suggerito all'inizio di quest'anno?

La discussione in merito, insomma, rischia di essere molto accesa (e, se il recente passato ci ha mostrato qualcosa, rischia anche di non approdare a niente).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il seggiolino di Samsung e Chicco che aiuta a non dimenticare i bambini in auto
La dipendenza da telefonino degli adulti uccide i bambini
Mio figlio ha ricevuto in regalo un giocattolo intelligente. Posso fidarmi?
Germania: ''Distruggete gli smartwatch dei bambini''
Smartphone come cocaina per i bambini, il sexting è normale per le ragazzine
Bambini online: crescono ricerche su droghe, alcol e tabacco
L'orso di peluche che spiffera i messaggi dei bambini
I giocattoli intelligenti che spiano i bambini
L'iPad? Per i bambini è come un sedativo
Bimbo dice di sentire le voci di notte in cameretta: stavolta è vero

Commenti all'articolo (5)

:ola: :ola: Leggi tutto
8-5-2021 13:46

Ennesima pagliacciata demagogica del catastrofico, anche se fortunatamente ormai estinto movimento 5 stelle
4-5-2021 12:41

Sono contrario a regolamentare l'uso del cellulare con una legge. Nessun genitore farebbe giocare i propri bambini con coltelli affilati. Sanno che e' pericoloso e proteggono i propri figli. Senza bisogno di leggi! La stessa cosa dovrebbe valere per gli smartphone, anche se il pericolo (e non parlo di "radiazioni") e' meno... Leggi tutto
1-5-2021 12:43

La tecnica del compiacere è l'arma principale per adescare e poi usare gli adescati.Forse i 1500 € potrebbero ad andar paradossalmente proprio a finanziarli! :-))
1-5-2021 10:14

{borotno}
La cosa incredibile è che ci sia bisogno di una legge per sollecitare ciò che è ovvio.
1-5-2021 09:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2471 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics