L'iPad? Per i bambini è come un sedativo

Una ricerca dimostra che per un bambino usare il tablet per 20 minuti è come farsi sedare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2016]

ipad sedativo

Doversi preparare a un'operazione chirurgica può far paura a chiunque; figuriamoci a un bambino.

Così, spesso i dottori somministrano loro dei sedativi prima ancora dell'anestesia vera e propria, aiutandoli in tal modo a calmarsi.

Ora però una ricerca, presentata all'ultimo Congresso Mondiale di Anestesiologia, afferma che usare un farmaco a questo scopo non è necessario: basta far usare l'iPad per un po'. Lo studio è stato condotto da un'équipe di medici guidata dal dottor Dominique Chassard, di Lione.

I dottori hanno fatto giocare un gruppo di bambini, con età compresa tra i 4 e i 10 anni, per 20 minuti con alcuni giochi per iPad adatti all'età di ciascuno prima di sottoporli a un intervento eseguito in anestesia generale.

A un altro gruppo di bambini è invece stato somministrato del midazolam, un sedativo normalmente utilizzato in questi casi per calmare i bambini.

A ogni bambino è stato misurato il livello di ansia (usando la scala m-YPAS) da due psicologi in quattro momenti: all'arrivo in ospedale, al momento della separazione dai genitori, durante la somministrazione dell'anestesia e durante la fase di risveglio dall'anestesia. La stessa misurazione è stata fatta ai genitori (usando la scala STAI), tranne che nel momento della preparazione, al quale non erano presenti.

Figli e genitori hanno mostrato di avere livelli di ansia simili in entrambi i gruppi: l'evoluzione di detti livelli è stata simile. In pratica, l'iPad ha funzionato tanto bene quanto il midazolam.

Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2154 voti)
Leggi i commenti (28)

Non solo: agli infermieri e ai genitori è stato chiesto di valutare il grado di soddisfazione per l'anestesia indicandolo su una scala da 0 (non soddisfatti) a 10 (molto soddisfatti); i genitori e gli infermieri dei bambini del gruppo con l'iPad hanno tutti indicato punteggi più alti.

«Il nostro studio» - ha commentato uno degli autori - «ha mostrato che l'ansia nei bambini e nei genitori prima dell'anestesia viene ridotta dal midazolam e dall'uso dell'iPad nella stessa misura. Tuttavia, la qualità della somministrazione dell'anestesia, così come la soddisfazione dei genitori, è stata giudicata migliore nel gruppo che usava l'iPad. L'uso dell'iPad o di altri tablet è uno strumento non farmacologico che può ridurre lo stress perioperatorio senza alcun effetto sedativo durante gli interventi di chirurgia ambulatoriale pediatrica».

Se da un lato tutto ciò è una scoperta importante per quanti si occupano di somministrare cure mediche ai bambini, dall'altro nasce una domanda: come affrontare questo provato effetto sedativo dell'iPad nella vita normale?

In altre parole: è giusto lasciare nelle mani dei bambini un apparecchio che su di loro ha evidentemente un effetto paragonabile a quello di un farmaco? Fino a che punto è normale e quando inizia a essere eccessivo?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook lancia la chat per bambini
Il termometro rettale ''social''
Garante privacy: app e siti per bambini sono un pericolo
Lo smartwatch per bambini
La lampada che racconta le favole ai bambini
Niente tablet ai bambini: rallentano l'apprendimento
LeapPad Ultra, il tablet per bambini
Il tablet per bambini di Toys R Us
Archos migliora il tablet per bambini
ChildPad, il tablet di Archos per bambini
Da Microsoft un Internet Explorer per bambini
Nabi, il tablet per bambini
Il tablet per bambini
L'ecocellulare per bambini con genitori ansiosi
Internet per bambini

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{giuseppe}
che tristezza vedere una riga di bambini seduti per terra intenti a farsi bruciare i neuroni dal tablet o dal cellulare !!!! ma che tristezza....! mio figlio a partire dai 3 anni ha percorso migliaia di km ( in spalla a me finchè non potuto usare le sue gambe ) sull'intero arco appenninico ligure...! gli ho mostrato tutta l'AVML ( alta... Leggi tutto
10-9-2016 18:16

{David}
Ricerca ridicola: manca un gruppo di controllo (bambini che ricevevano un placebo). Come faccio a sapere quanto iPad e ansiolitico agiscono se non ho un gruppo di controllo?! E son pure medici...
9-9-2016 16:16

Sponsorizzeranno dei giochi, così abitueranno i bambini al loro marchio :(
9-9-2016 10:53

Ad ogni modo, se la pratica prenderà piede mi aspetto conseguenze da parte di Big Pharma... quei poveretti dovranno pure compensare in qualche modo la riduzione di profitti nella vendita di Midazolam... :D :D :D
9-9-2016 10:29

Non mi è chiaro se l'effetto sedativo sia legato al gioco, dunque dovrebbe essere indipendente dal mezzo adoperato, o all'ipad ed in questo caso indipendente dall'attività svolta. Comunque sarebbe un ottimo utilizzo dell'ipad, permettendo di ridurre l'uso dei farmaci che, si sa, non sono noccioline.
9-9-2016 10:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3423 voti)
Luglio 2019
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics