La privacy è morta?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2021]

locker

Guardando a ciò che accade in rete al giorno d'oggi, si può facilmente giungere a credere che la privacy non esista più, che sia "morta", ma tale conclusione non risponde a verità. Quello relativo alla privacy è un tema estremamente complesso che necessita di essere analizzato sia attraverso lenti "sociali" sia tecnologiche, che a loro volta si trasformano e si modificano nel tempo.

La riflessione deve essere calibrata in relazione al ritmo incessante al quale i dati oggi vengono generati, archiviati, indicizzati e analizzati, e tale ritmo è cresciuto esponenzialmente negli ultimi 15 anni. Inoltre, va tenuta in considerazione l'accelerazione dell'ultimo anno causata dalla pandemia globale che ha spinto anche le piccole imprese a relazionarsi online, attraverso il digitale, generando un numero di dati ancora maggiore.

In uno scenario così delicato, le preoccupazioni per la privacy, legate a molte piattaforme online, sono passate in secondo piano, poiché l'urgenza di utilizzare nuovi o già esistenti servizi per mantenere le connessioni sociali è diventata una priorità per le aziende di tutto il mondo. Ed è una certezza che la maggior parte degli utenti non abbia mai letto i termini, le condizioni o le politiche sulla privacy dei servizi di cui ha necessitato e, conseguentemente, a cui si è iscritto durante la pandemia.

Non bisogna stupirsi di questo, perché quando si parla di sicurezza informatica gli utenti generalmente ignorano il rischio e mirano principalmente a raggiungere il risultato desiderato, come restare in contatto con gli altri o fare il proprio lavoro al meglio.

A rendere però problematico questo approccio alla privacy è stato il ritmo del cambiamento e la crescente sofisticazione della "scienza dei dati". Tutti comprendono bene che per ottenere un servizio all'apparenza "gratuito" è necessario "dare in cambio qualcosa", che, nella maggior parte dei casi, si concretizza nei dati sensibili forniti contestualmente alla propria registrazione e poi utilizzati per profilare annunci pubblicitari ad hoc. Quello che però gli utenti generalmente non comprendono appieno è il valore dei dati che stanno fornendo, come questi verranno utilizzati e quali informazioni vengano realmente estrapolate da essi.

Ad esempio, quando si tratta di social network, gli utenti cedono liberamente le informazioni perché sono convinti di avere il controllo delle informazioni che condividono, oppure attivano le proprie carte fedeltà al supermercato, perché accumulare punti e accedere agli sconti risulta più importante dei dati di registrazione richiesti. Tutte le informazioni così condivise sono estremamente preziose per le aziende, che in questo modo possono conoscere più a fondo clienti e utenti.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1742 voti)
Leggi i commenti (5)

Analizzare questi dati permette di comprendere non solo un singolo utente e fare previsioni su di esso, ma ciò vale anche per interi gruppi di persone, quartieri o città. Questo discorso è valido non solo per i servizi che esplicitamente richiedono l'immissione di dati sensibili, ma anche per tutti quegli strumenti da cui le persone dipendono e che raccolgono informazioni in maniera meno esplicita.

In questa seconda categoria rientrano, ad esempio, gli accessori per la smart home e le piattaforme a essi associate, gli strumenti per il fitness e i giochi per bambini, tutti i dispositivi IoT connessi alle cuffie, alla TV e molto altro ancora. Questi strumenti "costringono" gli utenti ad accettare i termini di utilizzo (altrimenti non funzionano) per poi raccogliere i dati e condividerli con i loro produttori. Inoltre, esiste una pipeline di monetizzazione dei dati, per la quale le informazioni raccolte vengono vendute ad altri, in forma grezza, aggregata o approfondita.

Tutto questo dipinge un quadro piuttosto cupo ed è per questo che spesso si sente dire che "la privacy è morta", ma forse è meglio dire che la privacy si è evoluta rispetto a 10 anni fa, o anche solo rispetto a 2 anni fa, e continuerà a evolversi. Il desiderio di mantenere la propria privacy è sempre viva negli utenti ed è possibile mantenerla dove è più importante.

I service provider continueranno a utilizzare i dati degli utenti, le aziende devono poter comprendere meglio i propri clienti e i governi devono essere in grado di servire al meglio i propri cittadini attraverso la scienza dei dati. Continueranno a svilupparsi nuovi servizi, nuove capacità che utilizzeranno sempre più dati, mentre le barriere all'ingresso, i costi e la complessità continueranno a diminuire. Quindi, come ogni altro cambiamento tecnologico e sociale, è importante che vengano massimizzati i benefici per tutti; ma se si continua a ritenere che la privacy sia morta, allora tutte le preoccupazioni legate a essa non verranno mai affrontate seriamente.

Zeus News ha chiesto il parere di Alessandro Biagini, Regional Sales Manager di Forcepoint: "L'attuale normativa sulla privacy, introdotta in Europa con il cosiddetto Gdpr, si focalizza principalmente su aspetti legati ai meccanismi di raccolta, archiviazione e consenso dei dati, piuttosto che sugli aspetti olistici di ciò che la privacy significa per la società. L'evoluzione del concetto di privacy sta andando di pari passo con la fiducia che gli utenti ripongono nello strumento/piattaforma o azienda al quale affidano i propri dati. La sicurezza informatica è fondamentale per garantire la fiducia digitale, e come tale è indispensabile anche per la privacy, ma non bisogna considerarle equivalenti o, come erroneamente molte aziende fanno, pensare alla privacy solo attraverso una lente di sicurezza informatica".

Prosegue Biagini: "Sebbene proteggere i sistemi, prevenire la perdita dei dati e proteggerli da accessi non autorizzati sia molto importante, la privacy non si limita solo a questi aspetti: è molto di più. Per affrontare questo problema, coloro che comprendono la tecnologia, la privacy e la scienza dei dati devono garantire che la privacy rimanga viva, mentre le autorità di regolamentazione hanno l'obbligo di rispondere rapidamente ai cambiamenti tecnologici per assicurare che tutte le parti coinvolte siano affidabili. Forcepoint, da anni si impegna in questo senso, educando e informando clienti e utenti su ciò che è possibile fare con i loro dati e come proteggerli al meglio".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, niente foto negli ospedali
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Informativa privacy, l'italiano medio non si fida
Pandemia: contact tracing e isolamento contengono i focolai
e-privacy: lasciateci la faccia
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Utenti app finanza non si preoccupano dei dati personali
Garante privacy si attiva contro il revenge porn
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Stalkerware, i software utilizzati per spiare il partner
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
TikTok si adegua: bloccherà i minori di 13 anni
Furto dati Ho Mobile: il punto di vista giuridico e le ripercussioni sulla privacy
Twitter, 450.000 euro di multa per violazione del Gdpr
App Immuni e app Io a confronto
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
App di giochi, a rischio la privacy dei bambini
Mille parole che attivano per errore gli assistenti vocali
Microsoft tiene a bada i figli online
Contanti e coscienti
Immuni e la privacy sottosopra
Zoom, mezzo milione di password in vendita
La toilette che ti riconosce dall'impronta anale

Commenti all'articolo (5)

Non ho potuto commentare prima, ma un paio di righe su questo articolo le voglio scrivere. Mi lascia un po' perplesso il tono generale con cui è stato scritto. A parte un eccesso di virgolettati discutibile, c'è un esubero di concetti parecchio spinosi e ammissioni imbarazzanti nella prima metà del discorso (servizio all'apparenza... Leggi tutto
6-4-2021 00:00

E qui tende ad incartarsi il meccanismo poiché le autorità regolatorie sono tendenzialmente indietro di anni rispetto all'evoluzione tecnologica in corso. Poi ci sono certamente le deviazioni mentali dei singoli - decisamente tanti singoli - che non riescono a mettere d'accordo i neuroni - pochi - dei loro cervelli come ben descritto... Leggi tutto
3-4-2021 14:46

Per contro, e parlo con estrema cognizione di causa, il mondo è pieno di idioti che rifiutano il loro consenso PER LA PRIVACY a fornirmi un indirizzo di posta elettronica (senza altri dati associati, né nome né cognome nè altro) per rispondere ad un loro quesito e contestualmente pretenderebbero la risposta su Whatsapp o su Facebook. ... Leggi tutto
31-3-2021 19:43

Perdona,ma a me sembra una bella lista di Desiderata! Non solo gli interessati ai dati,ma anche 'hackers neri' continuano a contraporre 1 ad ogni 0 (vedi pochi giorni fa cosa è successo a Exchange).É una guerra infinita in cui si rischia ogni giorno e si perde regolarmente o per schiavitú o per furti.
30-3-2021 23:28

{ranuncolo}
A mio avviso non bisogna tenere conto di niente. Se il titolo dell'articolo è: La privacy è morta? la risposta è: sicuramente è moribonda. Se invece il titolo fosse: La privacy è commisurata alle esigenze attuali? allora la risposta sarebbe: si, con molte lacune che potrebbero ingrandirsi.... Leggi tutto
30-3-2021 20:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito, tra questi?
PHP
Java
C#
VB.Net

Mostra i risultati (1273 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 aprile


web metrics