Contanti e coscienti

Cassandra Crossing/ Il nuovo assalto ai contanti, tra false dicotomie e libertà negate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2020]

euro

Era un po' che, forse come effetto collaterale della pandemia, non si sentivano sproloqui sulla limitazione o l'abolizione dei contanti. La tecnica propagandistica utilizzata è sempre la stessa; la creazione di una falsa dicotomia, basata su qualche alternativa largamente condivisa.

Una falsa dicotomia consiste nel presentare una questione complessa come scelta tra due sole possibilità alternative, quando in realtà ce ne sono numerose altre. Selezionando opportunamente la seconda parte della dicotomia si può demonizzare qualsiasi cosa. Pilotare qualunque scelta.

Un classico del passato è stato "Volete la sicurezza o la privacy?" La risposta ovvia, particolarmente quando chi pone questa dicotomia è un addetto ai lavori o un pubblico ufficiale, è "Voglio la sicurezza ela privacy", sei pagato per fornirmele tutte e due.

La causa di fondo che rende efficaci questi slogan è che i cittadini italiani sono ormai mediamente incapaci di leggere e comprendere un articolo di media complessità, e tanto meno di riassumerne i punti principali in poche parole. Quando Cassandra andava a scuola col grembiulino, queste abilità erano indispensabili per passare l'esame di quinta elementare.

Ecco che, grazie a questo analfabetismo concettuale, un artificio dialettico elementare ed evidente come la falsa dicotomia diventa un'arma di distrazione di massa potentissima per pilotare l'opinione pubblica.

Riuscire a enunciare una falsa dicotomia, senza che l'interlocutore immediatamente la denunci e sbeffeggi il disonesto interlocutore, conferisce un vantaggio enorme in qualunque discussione; più che avere il bianco a scacchi, più che giocare in casa a calcio.

Ecco perché quando una nota e per altre cose meritoria giornalista sceglie come suo nuovo cavallo di battaglia la lotta al denaro contante, riutilizzando lo slogan evergreen "Contanti o lotta all'evasione", viene da stupirsi che nessuno la sbeffeggi.

Vogliamo i contanti e pretendiamo la lotta all'evasione. Ne abbiamo diritto perché paghiamo chi la deve fare, e perché in altri paesi l'evasione è un problema secondario. Come diceva il Manzoni, se le "gride" precedenti non sono servite "all'esterminio de' bravi", è ben difficile che una in più possa cambiare le cose.

Altra falsa dicotomia è che le indagini contro i criminali vengano rese più difficili dall'uso dei contanti. Internet e gli smartphone non bastano? Sono l'arma investigativa più potente mai inventata. Che tutti abbiano un potenziale captatore informatico in tasca non è sufficiente? Oppure le indagini convenzionali, non informatiche, sono state vietate per legge? Vedere chi vive in una villa o guida una supercar è diventato illegale?

La verità è che i contanti sono ormai la massima espressione di libertà che gli stati nazionali hanno prima riconosciuto e ancora oggi lasciato ai propri cittadini. Con quel pezzo di carta o di metallo, lo Stato riconosce di essere (almeno in questo) incondizionatamente debitore e vassallo del cittadino. Proprio come diceva la scritta stampata sulle vecchie banconote in Lire "Pagabile a vista al portatore": ti davano oro se andavi in Banca d'Italia. No questions asked. "Valida per l'estinzione di qualunque debito, pubblico o privato". Lo stato si riconosce tuo debitore, con tuo incondizionato potere di esigere il debito in ogni momento.

Ora le valute moderne sono molto diverse, più simili a giochi finanziari non convertibili in oro, ma la sostanza non è cambiata. Se hai del contante, se hai un euro in mano l'Unione Europea ne garantisce il pagamento. Quando vuoi. Altrimenti hai dei bit da qualche parte che forse, solo forse, al momento del bisogno riuscirai a convertire di nuovo in denaro.

Oltre a questo indiscutibile diritto, i cittadini onesti hanno oggi più che mai bisogno del contante. E' l'unica arma semplice ed efficacissima per riuscire a limitare il continuo furto di dati personali che Internet e le transazioni elettroniche permettono, e che nessuno fa niente di serio per contrastare.

Parafrasando il capitano Kirk: "Contanti, ultima frontiera... della libertà". E se non è chiaro così...

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

In ogni caso anch'io ritengo che "Contante o lotta all'evasione" sia profondamente sbagliato e, comunque, noto che nessuno ha citato fra gli elementi più qualificanti della lotta all'evasione l'educazione al senso civico del cittadino senza la quale tutto il resto è utopia.
19-8-2020 15:45

E farebbe assai scontenta la Chiesa... Leggi tutto
19-8-2020 15:42

Magari fosse così, dimostrerebbe che lo stato riesce fare qualcosa contro la mafia ma in realtà... anche no! :wink: Leggi tutto
19-8-2020 15:42

Ci sarebbe l'apertura delle case chiuse, che potrebbe far fare molti soldi allo Stato. Ma questo vorrebbe dire togliere il giro d'affari alle mafie. Leggi tutto
19-7-2020 19:36

La lotta al contante non c'entra nulla con l'evasione e il lavoro nero, per il semplice motivo che chi fa queste cose passerà dal contante fisico al contante elettronico (es. i DASH, ovvero Digital Cash). Perché mai uno che usa i contanti in modo illecito dovrebbe passare per le banche, ovvero per lo Stato? E soprattutto: perché lo... Leggi tutto
19-7-2020 19:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Giugno 2022
Bug in Windows Defender rosicchia le prestazioni del PC
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 giugno


web metrics