Pochi o tanti, ma contanti

Cassandra Crossing/L’argomento “contanti” oggi è solo un diversivo per la politica? Allora parliamone di nuovo seriamente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2022]

contanti

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Colore viola addio

Mai Cassandra avrebbe pensato di scrivere qualcosa legato alla politica spicciola e più deteriore, che spesso è alla ricerca di "armi di distrazione di massa", particolarmente quando vuole nascondere le cose e tenere tranquilli dei cittadini già in dormiveglia.

No, a Cassandra non toccatele i contanti: per motivi completamente diversi da quelli oggi nuovamente sbandierati su tutti i media, sono un argomento serissimo, nonché uno degli ultimi strumenti a disposizione dei comuni cittadini per la difesa dall'invasività da uno stato sempre più occhiuto, che ambisce a diventarlo sempre di più.

Visto che sui media il dibattito riguarda esclusivamente se abbassare o alzare il limite di utilizzo dei contanti, come se la cosa avesse rilevanza solo per cose mai dimostrate come la lotta all'evasione fiscale, tutti noi, come cittadini, abbiamo evidentemente fallito nell'evidenziare che l'uso del contante, particolarmente per gli importi legati alla vita quotidiana, è indispensabile affinché vengano difesi, e non stravolti, i diritti civili digitali e la privacy.

Per questo motivo Cassandra, che vi ha già somministrato ben sei dosi del suo vaccino in questa lunghissima serie di esternazioni a riguardo, vi invita ad alzare la manica e accettare questa settima, che è giusto un "richiamo". Leggetele, sono brevi, sempre attuali ed interessanti.

Qual è l'alternativa ai contanti? Facile. O si torna al baratto, o si usano le transazioni elettroniche. Lasciamo ovviamente perdere il primo caso. In una società dove l'informatica è diventata ubiqua, e i dati sono il focus della finanza speculativa e del tecnocontrollo sociale, le transazioni elettroniche, quando non strettamente necessarie, non sono solo pericolose, sono il Male Assoluto in atto.

Sia chiaro, le transazioni elettroniche sono utili e necessarie quando strettamente necessarie (contabilità e fatturazione elettronica) e nei pochi altri casi in cui sono un obbligo di legge. Ci aspettiamo che in questi casi il Garante Privacy tenga sempre sotto mira chi tratta i nostri dati, in modo che vengano sempre applicati i principi di minimizzazione e di necessità del GDPR, e proseguiamo.

In tutti gli altri casi le transazioni elettroniche sono solo un mezzo per stringere la morsa della profilazione invasiva commerciale stile Cambridge Analytica, o quella del tecnocontrollo dei cittadini.

"Ma i contanti — si ripete ossessivamente — aumentano l'evasione fiscale e sono usati dai criminali". Allora, per l'ennesima volta, ripetiamo che:

1) un limite ai contanti non aiuta ulteriormente gli evasori che, in quanto criminali, già non lo rispettano, e non hanno difficoltà a scambiarsi una valigetta piena di banconote in barba a qualsiasi limite;
2) un limite ai contanti non scoraggia il "nero", per gli stessi motivi del punto 1;
3) alcune "transazioni elettroniche" del tutto legali (bonifici internazionali) sono il mezzo preferito dei grandi evasori fiscali, che usano i circuiti bancari internazionali per raggiungere i paradisi fiscali;
4) tutti i mezzi di pagamento elettronici, nessuno escluso, vengono utilizzati per raccogliere dati personali, dati che trovano la loro strada anche fuori dall'EU, e che non vengono trattati secondo il principio di necessità e minimizzazione richiesto dal GDPR.

Ora è evidente che, se si usano contanti, nessuno di questi dati personali viene fornito a terzi, per il semplicissimo motivo che usando i contanti i dati personali che la transazione avrebbe prodotto non vengono generati. Una soluzione perfetta. Chi acquista per contanti non è costretto a cedere dati personali perché questi dati non vengono nemmeno creati.

Si tratta, se vogliamo, di una doverosa "applicazione a sé stessi" del principio di minimizzazione dei dati del GDPR. "Devo usare contanti perché altrimenti, se uso sistemi di pagamento elettronici, farei trattare dei miei dati personali, che non è necessario trattare perché esiste un'alternativa".

Ed è assolutamente vero. Abbiamo il dovere, oltre che l'interesse, di minimizzare i nostri dati personali; se non a stretti termini di legge, per il bene nostro, dei nostri cari e dell'intera società democratica.

Per cui state lontani o disdicete tutti i mezzi di pagamento elettronico che non vi sono necessari, particolarmente se sono legati a produttori di hardware o di software, o non fanno parte di circuiti bancari, che si anche loro sono il male (stavolta con la "M" minuscola) ma di cui, in certi casi, non possiamo fare a meno.

Questo certamente include fare a meno di tutte le autenticazioni con cellulari, orologi e altri token, ciascuno dei quali aggiunge un altro vorace convitato al banchetto dei vostri dati personali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

io però negli stati uniti, se sostengo una spesa per un servizio, tipo idraulico, mi faccio fare la ricevuta, perché a seconda dello stato posso: Detrarre da specifiche tasse comunali Dedurre dal mio reddito totale Oppure ricevere dei bonus Se fai una politica premiale che incentiva la popolazione a farsi fare la ricevuta diventa facile... Leggi tutto
28-11-2022 18:11

In generale faccio fatica a pensare che un operaio o, comunque, un lavoratore dipendente possa evadere. L'unica cosa che mi viene in mente è che tutti i cittadini possano eventualmente favorire l'evasione nel caso in cui, di fronte ad una proposta di effettuare il pagamento di un bene o di una prestazione tramite contante anziché un... Leggi tutto
26-11-2022 14:40

Non capisco come un operaio, la cui tassazione è compiuta dal sostituto d'imposta che di solito è il datore di lavoro, possa evadere?
7-11-2022 17:22

{claudio}
Cassandra, di solito scaltra, stavolta, insieme a molti lettori, prende una enorme cantonata. Quello che il limite del contante cerca di limitare non e' “la valigetta piena di soldi”, del resto le società non hanno necessita' di fare nero con i contanti, sono su di un livello contabile diverso. Il... Leggi tutto
6-11-2022 10:41

è vero, ma solo in Italia, basta che sposto il contante es. Germania dove non c'è il limite ed il gioco è fatto. Leggi tutto
5-11-2022 19:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (414 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 febbraio


web metrics