Mille parole che attivano per errore gli assistenti vocali

E registrano le nostre voci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-08-2020]

alexa

Ci sono oltre mille parole o sequenze di parole che possono attivare per errore gli assistenti vocali, come Siri, Google Assistant, Alexa o Cortana, e quindi mandare ad Apple, Google, Amazon o Microsoft spezzoni delle vostre conversazioni domestiche o sul luogo di lavoro.

Questo è il risultato di uno studio, intitolato Unacceptable, where is my privacy?, realizzato da un gruppo di ricercatori della Ruhr Universität Bochum e del Max Planck Institute for Security and Privacy, che dimostrano il fenomeno con una serie di video che mostrano attivazioni errate causate da dialoghi del Trono di Spade e di Modern Family: "a letter", "We like some privacy" (ironico), "Hey Jerry".

Fra le altre parole o frasi che causano attivazioni errate ci sono unacceptable e election (per Alexa), OK cool (per Google Assistant), a city (per Siri), Montana (per Cortana). Sarebbe interessante fare uno studio analogo per l'italiano e per altre lingue oltre all'inglese.

Il fenomeno in sé era già noto, ma la novità è la quantità di parole comuni che possono causare queste attivazioni impreviste: è talmente elevata che è necessario presumere che qualunque conversazione fatta in presenza di un assistente vocale non sia privata. L'unico modo per risolvere questo problema è spegnere o silenziare questi assistenti, o non possederli affatto. La ricerca include le istruzioni per riascoltare, o almeno cancellare, quello che è stato registrato dall'assistente vocale e trasmesso alla rispettiva azienda.

Fonte aggiuntiva: Ars Technica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Il Wi-Fi che ti spia
Fidarsi di webcam e microfono sempre accesi
e-privacy: lasciateci la faccia
Clubhouse, il social network della voce spopola: adesso preferiamo parlare?
Data Privacy Day: 5 consigli per gestire e proteggere i dati
Lavori da casa? Sarà meglio spegnere Alexa
Facebook ti paga per registrare la tua voce
Cancellare la cronologia di un assistente vocale
Le truffe telefoniche? Oggi passano dall'assistente vocale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

:lol:
22-5-2021 13:45

In uno sketch di parecchi anni fa un personaggio, orgoglioso possessore di un'auto dotata di avveniristici comandi vocali, mentre l'auto è lanciata a 150 all'ora distrattamente inizia una frase con "Prima..." e l'auto obbediente inserisce all'istante la prima marcia. :lol: :lol: Leggi tutto
20-5-2021 01:28

Beh io nello smartphone l'ho disattivato e, in effetti, ora non funziona più quindi l'opzione per disattivarlo non è fasulla. Leggi tutto
31-8-2020 19:10

il mio vrcchio garmin (che non si conosce nette ad internet in alcun modo) si attiva al "porcs pu***na" che lui scambia per "comando vocale"
8-8-2020 10:04

{utente anonimo}
@zero beh non sarà facile. Come prodotto singolo posso benissimo non acquistare un assistente vocale. Ma se te li infilano a tradimento nei sistemi operativi di tv, smartphone, elettrodomestici, ecc. e l'opzione per disattivarli è fasulla, la vedo dura. E no, non venitemi a dire "ma io vado avanti tutta la vita... Leggi tutto
5-8-2020 23:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics