L'app che viola le password per sapere se sono sicure

GoCrack è un software di cracking che attacca le password e permette così di capire se sono abbastanza robuste.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-11-2017]

gocrack

Posto che circa le modalità migliori per scegliere la password abbiamo sentito tutto e il contrario di tutto, riuscire a sapere se la parola chiave che abbiamo scelto sia a prova di scassinatore sarebbe senz'altro utile.

FireEye, azienda che si occupa di sicurezza, ha pubblicato uno strumento che permette di valutare la robustezza della password tentando di violarla in vari modi.

Si chiama GoCrack, e in effetti potrebbe sembrare un'utilità di interesse esclusivo dei cracker (non nel senso dei biscotti salati, ma nel senso di quanti usano le proprie abilità di hacking per violare i sistemi).

In realtà i suoi destinatari sono gli amministratori di sistema e soprattutto i responsabili della sicurezza delle reti aziendali.

Si compone di due parti: il programma principale, che ha funzionalità di server, e un componente worker, che permette di distribuire il carico di lavoro sulle Cpu e sulle Gpu delle macchine presenti in una rete, configurando il tutto tramite un'apposita interfaccia web.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1188 voti)
Leggi i commenti (3)

Per evitare la fuga di informazioni che per definizione devono restare segrete, GoCrack è progettato in modo da impedire l'accesso ai dati di ogni test da parte degli utenti, a meno che non si tratti di coloro che hanno avviato il test stesso o che siano state concesse loro le autorizzazioni necessarie.

Alla fine dei test viene prodotto un rapporto, che include tutte le operazioni condotte, le password che è stato possibile violare e altre informazioni importanti, che potrà poi essere esaminato dagli amministratori.

GoCrak è disponibile su GitHub, da dove si può scaricare anche il suo codice sorgente: un'accortezza importante, dato che non sarebbe saggio affidare le proprie password a uno strumento di valutazione il cui codice fosse oscuro, perché potrebbe anche trattarsi di una trappola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Yahoo, gli account violati nel 2013 sono ben 3 miliardi
iPhoneX: una buona occasione per parlare di riconoscimento facciale
Rubati a Equifax i dati di metà degli americani
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Come evitare che i dati personali finiscano in mani sbagliate
Il cyberattacco attraverso la macchinetta del caffè

Commenti all'articolo (1)

{nova}
Da quando GitHub ha preso piede, non capisco più come fare i download degli eseguibili, né Windows, né Linux. "Clone or Download" non risponde a questa domanda, in quanto quello che scarico è codice sorgente non compilato. Veramente uno strano sito, nella mia percezione.
12-11-2017 19:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1276 voti)
Novembre 2017
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics