Falla critica in Windows, Microsoft rilascia una patch di emergenza

Colpiti i software di sicurezza, da Windows Defender a Microsoft Security Essentials.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-12-2017]

falla windows defender

Se nei giorni scorsi vi siete goduti qualche momento di vacanza approfittando del ponte, sappiate che mentre eravate via c'è stato un piccolo ma importante allarme.

Microsoft ha infatti scoperto un bug nel Malware Protection Engine, usato da diversi prodotti - compreso Windows Defender - per individuare il malware.

Un file appositamente realizzato può, quando sottoposto a scansione, portare a un errore di «corruzione della memoria» e questo comportamento può essere sfruttato per eseguire del codice arbitrario sul computer bersaglio.

Il risultato è che, sfruttando il bug, è possibile prendere il controllo del sistema acquisendo i privilegi di Local System: in quel modo è possibile installare programmi, manipolare i file e anche creare nuovi utenti.

A causa della gravità della falla, Microsoft ha deciso di pubblicare una patch di emergenza al di fuori del normale ciclo di rilasci, e gli utenti sono naturalmente invitati a installarla subito il sistema di aggiornamenti dei programmi interessati (che dovrebbe provvedere automaticamente a individuare la disponibilità della correzione).

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1361 voti)
Leggi i commenti (33)

Il gigante di Redmond precisa anche che non è a conoscenza di occasioni in cui il bug sia già stato sfruttato per violare qualche sistema, ma ovviamente la prudenza non è mai troppa e non è saggio aspettare ancora prima di correre ai ripari.

I software interessati dal bug sono, oltre al già citato Windows Defender, Microsoft Security Essentials, Microsoft Forepoint Endpoint Protection, Microsoft Exchange Server 2013 e 2016, e Microsoft Endpoint Protection.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Antivirus Microsoft era sfruttabile per installare virus
Vulnerabilità importante nell'antivirus di Microsoft
Security Essentials, l'antivirus gratuito di Microsoft
Il malware che fa i complimenti a Microsoft
L'antivirus è bello, ma se è gratis è bellissimo

Commenti all'articolo (1)

La dichiarazione di M$ che non è a conoscenza di casi in cui la falla sia stata sfruttata mi sembra che sia in contrasto con l'urgenza con cui la patch è stata rilisciata, soprattutto considerando la policy di rilascio di M$ assai consolidata negli ultimi anni e la sua ritrosia ad azioni d'emergenza su questi temi.
14-12-2017 18:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4198 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 ottobre


web metrics