Passi troppo tempo su Facebook? Ti avviserà... Facebook!

Il social network ''controllerà'' che non passi troppe ore su di esso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2018]

facebook dipendenza your time

Se in questi giorni avete guardato la televisione, vi sarete probabilmente imbattuti nella pubblicità delle app per il gioco d'azzardo legale, in cui è integrato un "limitatore" che dovrebbe impedire di arrivare alla dipendenza bloccando l'uso dell'app stessa oltre un certo periodo di tempo.

Qualcosa di simile sta per introdurre Facebook nella propria app per Android: l'ha scoperto Jane Manchun Wong studiando il codice del software.

La funzione si chiama Your Time on Facebook e si occupa di registrare e mostrare il tempo trascorso con l'app ogni giorno nell'ultima settimana, oltre al tempo medio passato giornalmente sul social network.

Permette inoltre di impostare un limite quotidiano, oltrepassato il quale viene inviata una notifica in seguito alla quale, presumibilmente, l'utente chiuderà di scatto l'app e si metterà a fare altro sino al giorno successivo.

Sebbene la funzione sia ancora nascosta nel codice e non attiva, Facebook ne ha già confermato ufficialmente l'esistenza. Un portavoce ha infatti dichiarato: «Siamo sempre al lavoro su nuovi modi per assicurarci che il tempo trascorso dagli utenti su Facebook sia un tempo speso bene».

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1464 voti)
Leggi i commenti (28)

Ciò che non è dato sapere è, invece, quando Your Time on Facebook verrà rilasciato e sarà utilizzabile da tutti gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'OMS: la dipendenza da videogiochi è un disturbo mentale
Lo smartphone minimalista per liberarsi dalla dipendenza da telefonino
I 4 motivi per cui Facebook crea dipendenza
Dipendenza da iPhone? No, è amore vero
Dipendenza da Facebook? Ecco chi la cura
La "dipendenza da Internet" è ufficialmente una malattia

Commenti all'articolo (1)

:malol: Leggi tutto
30-6-2018 14:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3272 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics